Jaguar

Jaguar viene fondata nel 1922 a Blackpool. Qui si incontrano William Lyons e William Walmsley, due appassionati di motociclette, che rapidamente si mettono in affari e creano la Swallow Sidecar Company. Siamo nel 1922. L’azienda riscuote immediato successo e dal 1927 inizia a produrre anche carrozzerie per automobili, realizzando dapprincipio una due posti sul telaio della Austin Seven. Nel 1931 Lyon decide di effettuare il grande passo e costruisce un telaio ad hoc, su cui montare le sue carrozzerie. Lo stesso imprenditore si dimostra tuttavia molto responsabile e procede con cautela, commissionando un telaio secondo le sue indicazioni. Nasce quindi la SS, vettura di lusso ma decisamente economica (310 sterline).

La SS verrà poi declinata in versione coupè, cabriolet e berlina, ma l’evoluzione di questa piccola società assume una piega imprevista quando l’agenzia pubblicitaria cui si era affidata suggerisce il nome Jaguar. E’ la svolta. Lyon introduce la SS Jaguar e riesce a metterla in vendita per sole 395 sterline, quando tutti i giornalisti presenti al lancio si aspettavano costasse almeno 600 sterline. La Seconda Guerra Mondiale obbliga tuttavia Lyon a rivedere le proprie convinzioni: mancano infatti le materie prime, il nome SS va per forza abolito ed è costretto a vendere la sezione sidecar, elemento portante dell’azienda fin ai suoi albori. Nel 1948 viene lanciata la Jaguar Mark V, seguita dalla XK 120 – in quei tempi l’auto di serie più veloce al mondo: raggiunge le 120 miglia orarie.

Jaguar debutta nel mondo delle competizioni e nel 1954 conquista il primo, secondo e quarto posto alla 24 Ore di Le Mans. Nel 1961 viene introdotta la Jaguar E-Type e nel 1966 viene lanciata la sublime XJ13, seguita dalla berlina XJ6. La morte di Lyons (1972) acuisce la crisi di idee e progetti. Jaguar – allora posseduta da British Motor Corporation – si fonde con Leyland, ma la qualità dei singoli prodotti non si dimostra eccellente come un tempo. Nel 1975 la XJ-S sostituisce la E-Type. Un vero e proprio scossone si ha nel 1990, quando Ford acquisisce Jaguar e prova a riportarla agli antichi fasti. L’Ovale Blu sceglie di allargare la gamma verso il basso ed introduce pertanto le F-Type ed S-Type, vetture complessivamente non certo fortunate. Il controllo del marchio inglese viene assunto nel 2008 da Tata. La gamma è oggi composta dalle XF, XJ, F-Type ed XK.

Foto spia Jaguar XKR-S Cabriolet

La Jaguar XKR-S sarà anche cabriolet Continua...

Newport Convertible Jaguar XJL Cabriolet

Jaguar XJ trasformazione Cabriolet di Newport Convertible Continua...

Supercar: il Sultano del Brunei vende parte della sua collezione

Ferrari Lamborghini Maserati Jaguar Sultano dei Brunei supercar in vendita Continua...

Jaguar XK: vinti centinaia di esemplari alla Irish National Lottery. Ma solo per errore...

Lotteria irlandese premia tutti gli oltre cento vincitori Continua...

Jaguar XE roadster: la concept al salone di Francoforte

Jaguar baby roadster: a Francoforte la XE concept anti Boxster Continua...

Jaguar XJ X350 Black Bison Edition by Wald International

Wald International ha realizzato la Jaguar XJ X350 Black Bison Edition, versione sportiva della vecchia serie... Continua...

Video: Jay Leno prova la Jaguar XKR-S al Nurburgring

Jay Leno prova la Jaguar XKR-S al Nurburgring facendo segnare un tempo di 8.41. Ma col potente gattone inglese ad otto... Continua...

Gruppo Tata: i nuovi motori Jaguar e Land Rover saranno sviluppati internamente

Tata: addio a Ford per la fornitura di motori Jaguar e Land Rover Continua...

Video: Motor Trend confronta Audi A7 Sportback, Mercedes-Benz CLS e Jaguar XJ

Motor Trend confronta Audi A7 Sportback, Mercedes-Benz CLS e Jaguar XJ. Guarda il video! Continua...

Jaguar: Ian Callum conferma la XF Sport Break e la sua variante sportiva

Jaguar XF. Arriva la familiare Sport Break. E avrà anche una versione R per fare paura ad AMG, BMW M ed Audi RS... Continua...