General Motors

General Motors viene fondata nel 1908 ed è oggi il primo gruppo automobilistico per volume di vendite. Tuttavia a GM non può essere attribuito un ruolo pionieristico ed avanguardista, considerato il ritardo nei confronti delle prime aziende di settore: nasce quando decine di costruttori sono già attivi e quando negli Stati Uniti vengono prodotte 65mila vetture l’anno. L’azienda è fondata da William Crapo Durant, pilastro dell’imprenditoria statunitense, che soddisfa la sua ambizione di creare un solido gruppo automobilistico: nel corso degli anni acquista infatti Buick, Olds, Oakland e Cadillac. Prova anche a rilevare Ford, ma Henry rifiuta un’offerta di 8 milioni di dollari. Durant viene tuttavia travolto da problemi finanziari e dal 1910 al 1915 l’azienda è gestita da un gruppo di banchieri.

Sono gli anni in cui il mercato vive una fase di boom: le vendite schizzano e gli imprenditori più coraggiosi e lungimiranti raccolgono affermazioni pressoché continue. E’ l’esempio di Durant. Il manager – una volta estromesso da GM – fonda una nuova azienda automobilistica (Chevrolet) e ritorna poi in General Motors, vendendole Chevrolet e riappropriandosi così del timone. GM prosegue nella sua campagna acquisiti e si aggiudica il gigante Du Pont, la compagnia Yellow Coach (autobus) ed entra anche nel trasporto su ferro. General Motor è inoltre la prima azienda statunitense ad oltrepassare il miliardo di fatturato annuo, nonché un’azienda automobilistica priva di vetture dal marchio GM.

Il gruppo statunitense conquista il 18% del mercato nel 1924 ed il 47% nel 1928, mentre nel 1930 oltrepassa il milione di vetture l’anno. La conseguenze della Seconda Guerra Mondiale non ne rallentano il cammino, anche perché dalle fabbriche Vauxhall escono i carri armati destinati alle forze d’opposizione. Nel 1953 il fatturato della GM rappresenta il 3% del Prodotto Interno Lordo statunitense. L’azienda vive una situazione di assoluta tranquillità fino al 2005/2006, quando iniziano ad avvertisti i primi segnali della crisi: GM barcolla ed è costretta a sbarazzarsi delle partecipazioni in Subaru, Suzuki e Isuzu, chiude Oldsmobile e Pontiac ed avvia una massiccia campagna di ristrutturazione. Qualche anno di sofferenza ha reso l’intera azienda più sana e sostenibile, tanto da riappropriarsi del trono di primo gruppo mondiale.

General Motors - PSA Peugeot Citroen: siglato l'accordo per 3 nuove piattaforme

General Motors - PSA Peugeot Citroen: confermato l'accordo per 3 nuove piattaforme compatte e nuovi motori Continua...

GMC al Salone di Los Angeles 2012 Live

Lo stand GMC al Salone di Los Angeles 2012 è caratterizzato da una gamma di proposte che rispecchiano a pieno lo... Continua...

Buick live dal Salone di Los Angeles 2012

Il Salone di Los Angeles 2012 costituisce un’ottima occasione per dare una “sbirciatina” agli stand dei marchi che... Continua...

Sail Springo EV

Sail Springo EV: questo il nome della prima automobile elettrica sviluppata in Cina Continua...

General Motors: 500.000 auto elettriche entro il 2017

General Motors ha annunciato il proprio obiettivo di vendere 500.000 auto elettriche, ibride e plug-in entro il 2017 Continua...

GM PSA: a rischio la joint-venture. Il punto della situazione

Continua...

General Motors e PSA Peugeot-Citroen: nuova partnership in vista?

General Motors e PSA Peugeot-Citroen: potrebbe arrivare un ampliamento della partnership con una nuova joint-venture Continua...

Tutte le novità del Salone di Parigi 2012: dalla A alla G

Il nostro dettagliato elenco di quanto è in esposizione a Parigi in queste ore. Oggi si va dalla A alla G! Continua...

Fiat pensa ad Opel; ma GM non ci sta: "Opel non è in vendita". Almeno per il momento...

Nelle ultime ore la stampa è tornata a parlare della questione Fiat-Opel. Ma GM non sembra intenzionata a cedere il... Continua...

Ford-GM: allo studio cambi a nove e dieci marce

Da Ford e GM in arrivo i cambi a 9 e 10 marce Continua...