Auto Elettriche

Le auto elettriche oggi sul mercato sono già una opzione molto interessante rispetto alle macchine diesel, benzina, GPL o metano. Oltre ad essere la scelta ideale per l'ambiente, le macchine elettriche iniziano ad esserlo anche per quanto riguarda le prestazioni e i costi di gestione.

L'autonomia è sempre meno un problema, mentre il costo delle automobili elettriche è ancora alto e non esiste ancora una vera e propria auto elettrica economica. Ma il costo maggiore si ripaga in parte con una spesa per chilometro inferiore e con le numerose agevolazioni per le macchine ecologiche. Come l'esenzione dal pagamento del bollo e il parcheggio gratuito sulle strisce blu in molte città italiane.

Siamo ancora all'inizio della rivoluzione degli EV, i veicoli elettrici che promettono di cambiare la mobilità e renderla più sostenibile azzerando le emissioni di CO2, di particolato e di polveri sottili. Vantaggi che si riflettono nella possibilità per tutte le macchine a batteria di circolare senza pagare anche nelle zone a traffico limitato come la famosa Area C di Milano.

Autonomia delle auto elettriche: un problema reale?


L'autonomia di una macchina elettrica media, oggi, varia tra i 250 km e gli oltre 400 km delle auto elettriche migliori, con una sola ricarica di batteria. E' ancora meno di quanto può può viaggiare un'auto diesel con un pieno di gasolio, ma è già più che sufficiente per scegliere un'auto elettrica per la famiglia.

Lo sanno bene i tanti tassisti che hanno acquistato un'auto elettrica: anche facendo molte corse in una sola giornata, difficilmente hanno la necessità di ricaricare l'auto per continuare a lavorare e riescono senza grossi problemi a ricaricare il veicolo elettrico soltanto la notte dalla presa domestica.

Auto elettriche: emissioni zero, prestazioni al top


Chi invece ha ancora dubbi sulle prestazioni dei veicoli elettrici dovrebbe ricredersi: le auto elettriche hanno prestazioni già superiori a quelle con motore termico tradizionale. L'accelerazione è favorita dalla grande coppia dei motori elettrici, che è anche disponibile subito e non solo in un determinato range di giri del motore, e la velocità massima nei modelli di alta gamma è equivalente a quella dei modelli diesel o benzina.

Ecco alcuni esempi:

Tesla Model X:


  • Potenza: 322 CV

  • Coppia: 441 Nm

  • Velocità massima: 210 kmh

  • Trazione: Integrale

  • Accelerazione (0-100 kmh): 5,2 secondi


Jaguar i-Pace:

  • Potenza: 400 CV

  • Coppia: 696 Nm

  • Velocità massima: 200 kmh

  • Trazione: Integrale

  • Accelerazione (0-100 kmh): 4,8 secondi


Audi e-tron:

  • Potenza: 408 CV

  • Coppia: 664 Nm

  • Velocità massima: 200 kmh

  • Trazione: Integrale

  • Accelerazione (0-100 kmh): 5,7 secondi


Auto elettriche: come si ricaricano (e quanto tempo ci vuole)


Un altro dubbio molto diffuso sulle auto elettriche in commercio è quello relativo alla ricarica: come si ricaricano le auto elettriche? Quanto tempo ci vuole per ricaricarle?

Le auto elettriche si ricaricano principalmente in due modi: a casa, dalla presa di corrente domestica, o in strada da una colonnina di ricarica. Per ricaricare l'automobile elettrica a casa è necessario un garage, un box o un posto auto con una connessione alla rete elettrica. La ricarica casalinga è anche la più lenta, perché la connessione avviene con corrente alternata e con una presa monofase industriale dalla potenza limitata ai 3 kW permessi da un normale contatore dell'elettricità domestico.

Per ricaricare l'auto elettrica a casa è possibile chiedere l'incremento della potenza del contatore e montare una wall box (cioè una sorta di colonnina di ricarica da mettere a casa), dotata di connettori che reggono senza pericolo potenze superiori: 3,6, 7,4, 11, 22 kW.

Le colonnine di ricarica pubbliche, invece, sono a corrente continua e hanno diversi standard e diverse potenze: 7,4, 11 o 22 kW (ricarica veloce), da 40 a 150 kW (ricarica ultraveloce). In futuro arriveranno anche le colonnine da 350 kW, ad esempio quelle del Consorzio Ionity.

I tempi di ricarica di un'auto elettrica dipendono da tre fattori: la capacità della batteria, e la potenza della ricarica supportata dall'auto elettrica e la potenza effettivamente erogata dalla presa elettrica. La batteria è come il serbatoio: più è grande e più tempo ci vuole a riempirlo. Ecco alcuni esempi di tempi di ricarica, considerando una batteria completamente scarica:

Nissan Leaf (batteria da 40 kWh e potenza massima di ricarica di 50 kW):


  • Ricarica a 3 kW: 13 ore

  • Ricarica a 7,3 kW: 5 ore e mezza

  • Ricarica a 11 kW: meno di 4 ore

  • Ricarica a 22 kW: meno di 2 ore

  • Ricarica a 40 kW: un'ora

  • Ricarica a 150 kW: poco meno di un'ora, perché la potenza massima accettata è di 50 kW


Audi e-tron (batteria da 95 kWh, potenza massima di ricarica di 150 kW, fornita di caricatore domestico trifase da 11 kW di serie):

  • Ricarica a 11 kW: circa 9 ore

  • Ricarica a 22 kW: circa 4 ore e mezza

  • Ricarica a 40 kW: circa 2 ore e mezza

  • Ricarica a 150 kW: mezz'ora


Come si paga la ricarica delle auto elettriche (e quanto costa)


Il costo della ricarica delle auto elettriche dipende dalla modalità di ricarica scelta.

Se ricarichiamo l'auto a casa, allora pagheremo il pieno in bolletta al prezzo del kWh previsto dal nostro contratto di fornitura dell'energia elettrica.

In pratica è come se la macchina elettrica fosse un grande elettrodomestico, che consuma energia quando si ricarica. In questo caso la lentezza della ricarica è ripagata dai bassi costi: ipotizzando un prezzo finale del kWh di 30 centesimi (tutto incluso) per ricaricare una batteria da 40 kWh spenderemo 12 euro, per una da 95 kWh ne spenderemo 28 e mezzo.

Se scegliamo la colonnina di ricarica, invece, è un po' un far west e dipende da chi gestisce la colonnina.

A2A, ad esempio, per i clienti privati prevede un abbonamento flat con un costo iniziale di 30 euro che comprende la tessera e i primi tre mesi di ricarica e dopo il terzo mese 15,10 euro per i successivi rinnovai trimestrali. Per i clienti business, invece, è previsto un costo di 15 euro per l'attivazione della tessera e un costo al consumo pari a 40 centesimi al kWh.

Duferco Energia ha invece tre opzioni: Flat, Ricaricabile e Spot. L'abbonamento Flat (della durata i 24 mesi) costa 25 euro al mese e permette di prelevare fino a 300 kWh al mese; l'opzione Ricaricabile costa 40 euro e permette di prelevare 100 kWh; la Ricarica Spot costa 2,50 euro per ogni ora che l'auto è connessa alla colonnina.

Enel X, invece, ha sia piani a consumo (45 o 50 centesimi a kWh, si paga meno nelle colonnine fino a un massimo di 22 kW di potenza) che piani flat (25 euro mensili per 60 kWh o 45 euro mensili per 120 kWh).

Transpotec 2019: Volkswagen E-Crafter e il trasporto del futuro [Video]

Volkswagen a Transpotec 2019 ha presentato il nuovo E-Crafter, furgone completamente elettrico adatto alle consegne nei... Continua...

Opel GT X Experimental: l'auto del futuro è un SUV elettrico [Video]

Opel GT X Experimental è la concept che per Opel anticipa le innovazioni che saranno presenti sui veicoli di prossima... Continua...

Salone di Ginevra: l'auto elettrica del pronipote di Porsche

Tra i debutti a cui assisteremo al Salone di Ginevra c'è anche quello della Mark Zero, prima auto elettrica di lusso e... Continua...

Guida autonoma Apple: il primo modello sarà un Van elettrico?

Secondo un magazine tedesco Apple starebbe ancora sviluppando il suo progetto per la guida autonoma, ma il prodotto... Continua...

Salone di Ginevra: Kia presenta un'auto elettrica concept

La nuova concept di auto elettrica Kia, che verrà svelata al Salone di Ginevra 2019, mostra un logo inedito e un design... Continua...

Porsche Taycan Sport Turismo: foto spia senza veli

Le ultime foto spia della Porsche Taycan Sport Turismo ci mostrano dettagli in più sulla prima shooting brake elettrica... Continua...

Salone di Ginevra: nuova auto elettrica per Tata Motors

Auto elettriche Tata: al Salone di Ginevra un modello tutto nuovo, ma per vederlo in produzione passeranno due anni. Continua...

Audi e-tron: “in pista” sulla Streif di Kitzbühel

Una nuova impresa per il primo SUV elettrico della Casa di Ingolstadt... Continua...

Porsche elettrica: la fabbrica della Taycan farà anche 911

Porsche mira ancora a vendere più di 20 mila auto elettriche Taycan, ma se dovesse essere necessario potrebbe spostare... Continua...

Brexit: Honda conferma la chiusura dello stabilimento di Swindon

Honda ha confermato la decisione di voler chiudere l'impianto produttivo di Swindon in Inghilterra che impiega 3.500... Continua...