Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag elon musk

Tesla: la Model S avrà trazione integrale e batterie più capaci

pubblicato da p.a.fina

Guarda la fotogallery della Tesla Model S

Elon Musk ha recentemente confermato l’arrivo di alcune nuove opzioni destinate alla Tesla Model S, fra cui ad esempio le quattro ruote motrici ed un pacco batterie dalla capacità maggiorata. Il fondatore del marchio Tesla Motors, intervenuto ad Amsterdam, ha in tal modo rivelato quali novità dobbiamo attenderci a partire dal 2015. Nel secondo trimestre verrà dunque lanciato il crossover a trazione integrale Model X, atteso nello stesso periodo in cui esordirà la Model S a quattro ruote motrici. Nel 2015 sarà poi lanciato un nuovo pacco batterie – destinato a chi necessita di maggior autonomia – e debutteranno inediti sedili posteriori. Musk ha poi diffuso alcuni dettagli sulla nuova release software di cui presto beneficerà la berlina elettrica.

La versione 6.0 del firmware metterà a disposizione le informazioni in tempo reale sulle condizioni del traffico e garantirà un migliore utilizzo delle sospensioni, che potranno abbassarsi o alzarsi in funzione di eventuali ostacoli. Il manager sudafricano ha concluso il proprio intervento parlando del Supercharger. La capacità dell’impianto in cui vengono realizzati è al momento esaurita e ne verranno da ora in poi installati cinque esemplari a settimana, mentre chi volesse compiere il viaggio Los Angeles-San Francisco deve pazientare ancora qualche mese: la sostituzione delle batterie in strada verrà introdotta a brevissimo.

....
condividi 0 Commenti

Tesla: restituito il prestito concesso dal Dipartimento dell’Energia statunitense

pubblicato da p.a.fina

Guarda la fotogallery della Tesla Model S

Tesla ha ripagato il proprio debito con il Dipartimento dell’Energia statunitense, restituendo i 451.8 milioni di dollari che le vennero prestati nel 2010. La procedura è stata completata ben 9 anni prima di quanto fosse stabilito. Attraverso un comunicato stampa il fondatore e amministratore delegato della società ha ringraziato “il Dipartimento dell’Energia ed i membri del Congresso per aver reso possibile la creazione del programma ATVM”, dedicato a tutte le automobili dall’alto valore aggiunto. “Rivolgo un particolare ringraziamento ai contribuenti – il commento di Elon Musk –. Spero di avervi resi orgogliosi”. Questa chiosa ha un sapore particolare.

A Tesla vennero infatti promessi 465 milioni di dollari, 12 dei quali non hanno però avuto motivo di essere impiegati. La società californiana può dunque zittire i suoi critici più feroci. Il candidato alla presidenza Mitt Romney definì Tesla come ‘perdente’, giudizio replicato qualche settimana dopo da Sarah Palin. Non tutti i fondi erogati dal Dipartimento dell’Energia sono però stati investiti in modo così produttivo, tanto è vero che i 217 milioni di dollari concessi a Fisker ed a Vehicle Production Group (specializzato nella produzione di van elettrici) non verranno restituiti con altrettanta facilità. Discorso identico per A123 Systems e Solyndra, beneficiarie rispettivamente 133 milioni e 535 milioni di dollari (nell’ambito però di altri programmi).

Un passaggio del comunicato ufficiale ha poi dato origine ad un piccolo caso diplomatico. Tesla si è infatti vantata di essere “l’unica azienda automobilistica statunitense ad aver ripagato il debito”, suscitando la reazione piccata di Chrysler. Gualberto Ranieri, uno fra i massimi responsabili della comunicazione, ha bacchettato Tesla sostenendo che la società di Auburn Hills risolse le proprie pendenze già nel maggio 2011, anch’essa in anticipo (di 6 anni) rispetto alle consegne.

Guarda la fotogallery della Tesla Model SGuarda la fotogallery della Tesla Model SGuarda la fotogallery della Tesla Model SGuarda la fotogallery della Tesla Model SGuarda la fotogallery della Tesla Model SGuarda la fotogallery della Tesla Model SGuarda la fotogallery della Tesla Model SGuarda la fotogallery della Tesla Model SGuarda la fotogallery della Tesla Model S

....
condividi 1 Commenti

Tesla: la nuova Roadster verrà presentata dopo il lancio dell'inedita Gen 3

pubblicato da p.a.fina

Tesla Roadster 2.5

Il presidente e fondatore del marchio Tesla ha scelto di posticipare il lancio della nuova Roadster, inizialmente prevista nel 2013 ed ora accantonata fino al tardo 2015. Lo riferisce Inside Line, che ha raccolto la confessione dallo stesso Elon Musk. L’imprenditore sudafricano vuole infatti assegnare la massima priorità all’inedita “Gen 3″, vettura compatta ed economica destinata – secondo le previsioni del 41enne Musk – a rivoluzionare il segmento delle automobili elettriche, in quanto munita di nuove e più raffinate tecnologie che verranno utilizzate dalle Tesla di terza generazione. La Gen 3 debutterà ad inizio 2015.

Musk non ha dedicato nessuna ulteriore battuta alla Roadster, che nel 2012 compie il quarto anno di vita e si appresta a restare in vendita per ulteriori tre anni e mezzo. Ricordiamo che la generazione odierna utilizza un motore elettrico asincrono trifase abbinato ad una trasmissione monomarca ed alimentato da batterie agli ioni di litio. La Roadster accelera così da 0 a 100 km/h in 3.9 secondi, raggiunge i 200 km/h e vanta un’autonomia di 392 chilometri.

Mercedes-Tesla: presto un accordo per un nuovo powertrain elettrico

pubblicato da Fabio Sciarra

Mercedes F125, Classe B e Classe B E-Cell Plus: tutte le foto e le informazioni ufficiali

Nel corso della presentazione dei risultati commerciali relativi all’ultimo trimestre, il numero uno di Tesla Elon Musk ha rivelato che la piccola casa californiana specializzata nella produzione di auto elettriche, ha in ballo un accordo -non ancora definitivo- con Mercedes per la fornitura di un powertrain elettrico (completo di motore e batterie) destinato ad un prossimo modello tedesco a zero emissioni.

A cercare la casa di Palo Alto sono stati proprio gli uomini di Stoccarda, che detengono il 10% della proprietà di Tesla, e che in collaborazione con Musk hanno già realizzato le batterie della Smart Electric Drive. Mercedes ha inviato in California una lettera d’intenti, e come rivelato dal CEO di Tesla, i dettagli del nuovo accordo transoceanico saranno resi noti “verso la fine del 2011″.

Via | Bloomberg

....
condividi 2 Commenti

Tesla Model S: sold-out la produzione del 2012

pubblicato da p.a.fina

Tesla Model S Alpha

Tesla ha ricevuto “oltre 6.500 ordini” per la Model S, berlina con trazione elettrica il cui debutto è atteso ad inizio 2012. Elon Musk, amministratore delegato dell’azienda californiana, ha infatti precisato che la produzione dell’anno venturo è già esaurita, anche in virtù di un prezzo d’acquisto (50.000 dollari) ben inferiore rispetto ai 100.000 dollari richiesti per la Roadster. “Principalmente si tratta di nuovi acquirenti - precisa Musk -. Circa 600 persone hanno acquistato una Model S pur avendo nel box di casa una Roadster”.

L’inaspettato successo della berlina elettrica permetterà a Tesla di generare profitto già nel 2013, con notevole anticipo rispetto a quanto non si credesse inizialmente. Ricordiamo che la Model S sarà equipaggiata con tre differenti pacchi batterie, per garantire un’autonomia compresa fra le le 160 miglia standard (260 chilometri), le 230 miglia (370 chilometri) della versione intermedia e le 300 miglia (480 chilometri) della versione “top di gamma”.

Via | Bloomberg

Tesla Model S: fin dal lancio sarà disponibile una variante ad altissime prestazioni

pubblicato da p.a.fina

Tesla Model S Alpha

“Non abbiamo semplicemente realizzato la migliore vettura elettrica, ma una fra le migliori automobili ora in commercio”. Questo concetto rappresenta il passaggio fondamentale espresso da Elon Musk nel presentare la Tesla Model S ‘beta’, prima anticipazione della berlina elettrica attesa nel 2012. Il fondatore e amministratore delegato del marchio ha poi indicato come vettura di riferimento la BMW Serie 5, anche se quest’ultima offre un bagagliaio meno capiente, prestazioni inferiori ed un’abitabilità nemmeno comparabile.

“Il vano bagagli della Model S ha un volume di circa 500 litri, ma è abbinato ad un pozzetto anteriore dalla stessa capienza - rivela Musk -. Nel bagagliaio posteriore inoltre sono collocati due strapuntini in posizione contraria al senso di marcia, progettati per ospitare comodamente due bambini alti fino a 1.25 metri. La nostra berlina potrà quindi ospitare fino a sette occupanti”. L’imprenditore sudafricano precisa poi che la Model S avrà rivestimenti e finiture di prima qualità, il tetto panoramico dalla maggior superficie mei visto su un’automobile e un baricentro più vicino a terra di molte sportive, oltre al pazzesco schermo tattile da ben 17 pollici.

La Model S sarà inoltre la prima elettrica ad abbozzare una gamma motori, visto che il medesimo propulsore potrà essere abbinato a batterie più o meno capaci: si parte dalle 160 miglia standard (260 chilometri) per salire a 230 miglia (370 chilometri) e 300 miglia (480 chilometri). Al momento del lancio sarà poi disponibile una variante ad alte prestazioni, più rapida di una M5: Musk dichiara uno 0-100 km/h in 4 secondi netti, rilevamento più veloce di 1.5 secondi rispetto alla Model S base. Molto interessante anche la possibilità di aumentare l’autonomia complessiva ricorrendo a uno specifico kit aerodinamico per le ruote: per ogni “step” sono previsti ulteriori 20 miglia (30 chilometri).

Continua a leggere: Tesla Model S: fin dal lancio sarà disponibile una variante ad altissime prestazioni

Tesla: un SUV elettrico nel 2014. Musk critica la Chevrolet Volt

pubblicato da Fabio Sciarra

Fra quattro anni, Tesla sarà in grado di produrre un SUV 100% elettrico. Questo è quanto annunciato da Elon Musk, numero uno della casa californiana, durante la cerimonia di re-inaugurazione della fabbrica NUMMI, ex joint venture Toyota-GM rilevata proprio dal piccolo costruttore.

Lo stabilimento inizierà a produrre da metà 2012 la Model S di serie, berlina di cui realizzerà 7000 esemplari nel primo anno, ma dalla quale ci si aspetta, una volta a regime, volumi di circa 20.000 pezzi l’anno. Dopo la Model S, sarà la volta di questo SUV, chiamato provvisoriamente Model X: Musk spera di presentarne la versione concept entro fine 2011.

“Parlare delle tempistiche della sua produzione è ancora un po’ prematuro: prima dobbiamo superare le delicate fasi iniziali dell’assemblaggio della Model S”. La futura Model X dovrebbe nascere su una variante del pianale che è adottato dalla berlina, la quale -lo ricordiamo- costerà circa 50.000 dollari negli USA, grazie ai generosi incentivi alle auto ecologiche.

Continua a leggere: Tesla: un SUV elettrico nel 2014. Musk critica la Chevrolet Volt

Toyota: la RAV4 elettrica sarà presentata al Salone di Los Angeles

pubblicato da Fabio Sciarra

toyota_rav4_elettrica

La variante elettrica della Toyota RAV4, sarà presentata al prossimo Salone di Los Angeles, che come di consueto si terrà in novembre.

Il modello, sviluppato in collaborazione con Tesla, non è ancora stato svelato sul piano del dettaglio tecnico, ma stando a quanto anticipato qualche tempo fa dal numero uno della casa californiana, Elon Musk, “la RAV4 elettrica avrà autonomia e accelerazione superiori ai valori di molte odierne elettriche”.

Il modello, che a L.A. non arriverà in forma definitiva, sarà in vendita nel corso del 2012, almeno per quanto riguarda gli Stati Uniti. Sempre negli USA, anche la Prius plug-in sarà commercializzata nel corso del 2012, precisamente tra maggio e giugno. L’obiettivo di Toyota è di venderne oltre 20.000 l’anno in Nord America.

....
condividi 3 Commenti

Elon Musk: Nissan Leaf usa tecnologia vecchia

pubblicato da Lorenzo Corsani

Nissan Leaf EV

Elon Musk, proprietario di Tesla, non perde occasione per screditare la concorrenza. Nel mirino stavolta la Nissan Leaf, la prima elettrica del costruttore giapponese che ha già raccolto molti ordini: secondo Musk le batterie agli ioni di litio della Leaf rappresentano una tecnologia ormai superata, con grossi problemi di temperature, che potrebbero portare ad una limitata durata nel tempo e seri problemi di funzionamento in paesi dai climi caldi.

Nissan, dal canto suo, garantirà le sue batterie per 8 anni o 160.000 km ed ha scelto un sistema di raffreddamento ad aria degli accumulatori, contro quello a liquido di Tesla. Curioso, comunque, che Musk abbia rilasciato dichiarazioni del genere proprio a poche settimane dall’ufficializzazione dell’accordo tra Tesla e Toyota per lo sviluppo di sistemi ibridi ed elettrici, quasi a sottolineare che la “guerra” tutta Giapponese per la supremazia tecnologica nel settore stia per riaccendersi più forte che mai.

Nissan Leaf EVNissan Leaf EVNissan Leaf EVNissan Leaf EV

Via | Autoblog.com

Tesla: prima foto della Roadster restyling

pubblicato da Fabio Sciarra

tesla_roadster_restyling

La Tesla Roadster si rinnova: no, ancora non è arrivato il momento dell’avvicendamento generazionale per la spider elettrica californiana, si tratta più semplicemente di un restyling. Che meccanicamente lascerà le cose come stanno, e sul piano dell’estetica farà poco di più.

La Tesla Roadster è stata rinfrescata in pochi punti salienti: il frontale mostra ora qualche ritocco, dietro compare un nuovo diffusore, e nell’abitacolo si respira ora un’aria meno minimalista e più attenta alle finiture e alle dotazioni di serie. Tra le quali compare un inedito navigatore satellitare con schermo touch.

La priorità della casa californiana è ora un’altra, come sottolineato dal numero uno Elon Musk: lo sviluppo della Model S. Il manager ha comunque confermato che la Roadster non passerà in secondo piano con l’arrivo della berlina, e che anzi questo aggiornamento dimostra l’attenzione e la rapidità nel rispondere ai suggerimenti e alle richieste dei clienti.

Via | AutoWeek.nl

....
condividi 4 Commenti