Guida autonoma: Volkswagen avvia i test di livello 4 ad Amburgo

Ad Amburgo Volkswagen ha avviato i suoi test di guida autonoma di livello 4 in un'area urbana con infrastrutture predisposte.

Auto elettriche e guida autonoma: ad Amburgo è già futuro con l'avvio dei test a guida altamente automatizzata di livello 4 su una flotta di Volkswagen e-Golf. Proveranno a districarsi autonomamente nelle condizioni reali di traffico urbano grazie ad un equipaggiamento che include scanner laser, telecamere, sensori a ultrasuoni e radar.

Le e-Golf, troveranno terreno fertile visto che ad Amburgo sta sorgendo un'area di 9 km predisposta per la guida automatica e connessa, con completamento previsto per il 2020. I semafori, ad esempio, saranno dotati di protocolli per la comunicazione reciproca con i veicoli. Un piccolo passo verso l'ottimizzazione dei flussi di traffico, ottenuta con la digitalizzazione delle infrastrutture ed i test di guida autonoma in condizioni reali.

Axel Heinrich, responsabile ricerca e sviluppo del gruppo Volkswagen, ha commentato: "I test si concentrano sulle possibilità tecniche e sui requisiti delle infrastrutture urbane. Per rendere la guida ancora più sicura e confortevole in futuro, i veicoli non devono solo diventare autonomi e più intelligenti, ma devono trovare nelle città un ecosistema digitale che permetta ai veicoli di comunicare con i semafori e i sistemi di gestione del traffico, nonché l'uno con l'altro."

Amburgo non è stata una scelta casuale: la popolosa città portuale tedesca ospiterà nel 2021 il Congresso mondiale dei sistemi di trasporto intelligenti, vuole quindi farsi trovare pronta per un evento in cui verranno mostrati i progetti più innovativi ad un pubblico globale.

Come accennato, le Golf elettriche saranno dotate di una serie di dispositivi in grado di farle muovere autonomamente: nel dettaglio, si tratta di undici scanner laser, sette radar e 14 telecamere. Il computer di bordo sarà in grado di gestire fino a 5 gigabyte di dati al minuto durante i normali test drive, ciascuno dei quali dura diverse ore.

Una potenza di calcolo equivalente a circa 15 computer portatili, in grado di catturare in pochi millisecondi ogni movimento di pedoni, ciclisti,  auto, intersezioni, diritti di passaggio, veicoli parcheggiati e cambi di corsia nel traffico. Per motivi di sicurezza, durante tutti i test drive è prevista la presenza di collaudatori appositamente addestrati saranno seduti dietro al volante, per monitorare costantemente tutte le funzioni di guida e intervenire in caso di emergenza.

  • shares
  • Mail