Gruppo FCA: prolungata la collaborazione con PSA per i veicoli commerciali

FCA e PSA hanno prolungato fino al 2023 l'accordo di collaborazione per la produzione di veicoli commerciali leggeri che saranno prodotti nello stabilimento Sevel di Atessa. Il contratto prevede inoltre il coinvolgimento dei marchi Opel e Vauxhall.

Gruppo FCA

FCA ha rinnovato l'accordo di collaborazione con PSA per la produzione di veicoli commerciali leggeri fino al 2023. I mezzi da lavoro saranno assemblati presso lo stabilimento Sevel di Atessa, in provincia di Chieti. L'alleanza tra i due gruppi europei ha una storia lunga 40 anni ed era in scadenza nel 2020. La joint venture comprenderà anche i marchi Opel e Vauxhall.

Il prolungamento dell'accordo commerciale prevede la localizzazione di nuovi produzioni così come l'incremento della capacità produttiva dell'impianto situato in Abruzzo: "l’accordo prevede, tra le altre cose, la continuazione della produzione dei modelli Fiat Ducato, Peugeot Boxer e Citroën Jumper nonché l’introduzione di altre versioni per rispondere alle esigenze dei brand Opel e Vauxhall", si legge in una nota diramata dal gruppo.

"Per soddisfare la crescita della domanda prevista da FCA e Groupe PSA, i due partner hanno deciso di aumentare la capacità produttiva dello stabilimento di Sevel a partire dal 2019, con un possibile incremento dei turni", continua la nota che indica anche "l’utilizzo complementare di capacità produttiva di Groupe PSA per assemblare alcune versioni del veicolo commerciale più grande per soddisfare la domanda dei clienti dei brand Peugeot, Citroën, Opel e Vauxhall nel medio termine".

La fabbrica di Atessa, inaugurata nel 1981, impiega più di 6.000 dipendenti e, con quasi 300.000 unità prodotte in un anno, è l'impianto produttivo di veicoli commerciali leggeri più grande e importante d'Europa. La produzione, tra l'altro, è in costante aumento, e anche nel 2019 è previsto un segno positivo sul bilancio di fine anno.

Il responsabile dell'area EMEA di FCA Pietro Gorlier, ha rassicurato nei mesi scorsi sindacati e dipendenti assicurando che nel corso dell'anno sarà incrementata la capacità produttiva con una necessaria revisione al sistema di turnazione già a partire da gennaio.

  • shares
  • +1
  • Mail