Airbag Takata: maxi richiamo per Toyota in USA

Il gigante giapponese dovrà richiamare 1,7 milioni di veicoli in Nord America per sostituire gli airbag Takata difettosi, montati da quasi tutti i costruttori.


airbag difettosi takata


Continuano negli USA i richiami di centinaia di migliaia di automobili, di quasi tutte le case automobilistiche, per la sostituzione dei famigerati airbag difettosi prodotti dal gigante giapponese ormai fallito Takata, che hanno causato una ventina di vittime della strada. Questa volta tocca a 1,7 milioni di vetture Toyota.

Per Toyota si tratta del terzo grosso richiamo in 5 mesi, mentre solo la settimana scorsa Ford ha richiamato 953 mila veicoli dotati di airbag Takata. Si stima che negli Stati Uniti circolino circa 30 milioni di auto con airbag difettosi prodotti da Tanaka, quindi non è affatto strano che periodicamente diverse case automobilistiche lancino maxi richiami come questi.


Il difetto negli airbag, infatti, non è affatto da poco: il dispositivo di sicurezza, in alcuni casi, si gonfia da solo esplodendo in faccia al guidatore anche con l'auto in marcia. Tutto ciò è dovuto al fatto che Takata ha usato nitrato di ammonio come sostanza chimica per innescare l'esplosione che gonfia gli airbag. Ma ma tale sostanza può deteriorarsi nel tempo a causa dell'umidità elevata e degli sbalzi di temperatura tanto che gli airbag più a rischio sarebbero quelli del sud degli Stati Uniti, in particolare quelli lungo il Golfo del Messico dove l'umidità è molto alta.

Toyota, annunciando il richiamo, ha specificato che come sempre la sostituzione dell'airbag sarà a carico dell'azienda, che la riparazione richiederà poco tempo per ogni veicolo e che, al termine della riparazione, l'automobilista non correrà più alcun pericolo per colpa dell'airbag.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail