Guida autonoma: come cambieranno gli airbag?

Quando le auto a guida autonoma diventeranno realtà i passeggeri assumeranno nuove posizioni a bordo delle macchine e serviranno nuovi airbag per la sicurezza.


airbag esterni guida autonoma


Dall'airbag "pre-crash", per minimizzare del 40% i danni di un impatto laterale, a quelli "dual countour", per proteggere gli occupanti del veicolo nei vari scenari di guida autonoma: il settore della sicurezza in auto è tutt'altro che fermo e le soluzioni portate della tedesca ZF al simposio Airbag 2018 di Mannheim lo dimostrano.

Il fornitore di componentistica ed elettronica che collabora con i giganti dell'automotive è alla costante ricerca di soluzioni per migliorare gli standard di sicurezza a bordo dei veicoli. Gli airbag, storicamente, sono uno dei componenti più importanti del pacchetto di protezioni che tutti i brand automobilistici devono integrare su ogni esemplare che lascia la fabbrica.

L'airbag "pre-crash" di ZF nasce per fornire una zona laterale di protezione aggiuntiva che può aprirsi immediatamente prima della collisione, grazie ai sensori che rilevano l'avvicinarsi di un oggetto o veicolo a grande velocità verso la fiancata dell'auto. Serve ad assorbire l'urto e a fare arrivare meno forza alla zona di deformazione in caso di incidente. Dai primi test emerge una riduzione della gravità delle lesioni per gli occupanti fino al 40%.


Gli airbag "dual contour", invece, guardano al futuro e alla guida autonoma: quando le macchine guideranno da sole i passeggeri probabilmente assumeranno posizioni diverse nel veicolo rispetto ad oggi. "Un veicolo che viaggia in modalità altamente automatizzata - spiega ZF - consentirebbe idealmente al guidatore di rilassarsi o lavorare. In futuro, sarà possibile reclinare il sedile o girarlo in altre direzioni. I sistemi di ritenuta come le cinture di sicurezza e gli airbag devono essere progettati per consentire la protezione degli occupanti in queste flessibili posizioni di seduta e saranno sempre più integrati nel sedile stesso. Gli airbag adattivi dual contour sono stati sviluppati a tal fine. Questi airbag sono progettati per adattarsi alla posizione dell'occupante e al nuovo grado di libertà del comportamento degli occupanti creato dalla guida automatizzata".

Ci sono poi gli airbag "far side", progettati per aumentare la protezione negli incidenti con urto laterale in cui gli occupanti si trovano sul lato opposto rispetto a quello dell'urto, come previsto dai requisiti di sicurezza Euro NCAP a partire dal 2020. L'airbag far side, in pratica, è un airbag che si apre al centro del veicolo in modo da evitare danni ai passeggeri dovuti al contraccolpo causato dall'incidente.

Infine, ZF studia anche nuovi airbag per le ginocchia: caratterizzato da un alloggiamento in tessuto e non più in metallo, il nuovo airbag pesa fino al 30% in meno rispetto ai tradizionali airbag per le ginocchia. La produzione di serie avrà inizio nel 2019.

C'è un ulteriore dettaglio a cui sta guardando ZF per prepararsi alle auto del futuro: la forma del volante. Con le auto autonome il volante potrebbe assumere forme molto diverse da quella attuale, o persino sparire del tutto. Ma il volante ospita anche l'airbag principale, quello per il guidatore, e per questo l'azienda tedesca sta cercando soluzioni adeguate.

  • shares
  • +1
  • Mail