Tasse auto Italia: ci ribaltano

I dati sulle entrate fiscali in Italia provenienti dall'automobile sono sempre impressionanti: oltre 70 miliardi. Esplosione degli incassi dalle multe

tasse auto italia

Non è una novità: le tasse sull'auto in Italia sono alte, asfissianti come il resto della pressione fiscale. In compenso la circolazione stradale è un inferno. D'altra parte l'automobile è sempre stata considerata dall'apparato pubbico come un limone da spremere e, allo stesso tempo, un nemico da combattere. I dati sul 2017 non fanno che confermare questa triste situazione.

 

Tasse auto Italia: siamo i peggiori d'Europa


L'Anfia (associazione nazionale filiera automobilistica) ha diffuso in questi giorni il rapporto che elabora ogni anno sul carico fiscale sulla motorizzazione in Italia. Nel 2017 le entrate "automotive" sono nuovamente cresciute, il 2% in più rispetto al 2016, mentre l'incremento totale delle entrate tributarie nazionali è stato dell'1,9%. Stabile invece la quota sul gettito complessivo, misurata al 16%. La pubblica amministrazione, in tutti i suoi livelli istituzionali e territoriali, lo scorso anno ha incassato dall'automobile la bellezza di 74,4 miliardi di euro. Una somma pari al 4,3% del PIL. Praticamente è come se l'auto finanziasse da sola quasi due anni di aumento del deficit pubblico italiano.

E' proprio la percentuale di tasse sul PIL (Prodotto interno lordo) a metterci in fondo alla classifica europea, tanto per cambiare. Infatti la media dei paesi UE è del 3%. Tasse e imposte sono suddivise secondo diverse tipologie. In Italia il gettito derivante dall'acquisto dell'auto (IVA, IPT e diritti della Motorizzazione) è cresciuto del 6,2%, ammonta a 9,4 miliardi di euro; quello derivante dal possesso (bollo auto) è aumentato del 4%, 6,8 miliardi in totale. La voce di gran lunga più consistente è sempre quella sulle entrate derivanti dall'utilizzo dell'autoveicolo (IVA e accise sui carburanti, poi imposte legate alla manutenzione): 58,2 miliardi, un aumento dell'1,1%.

Torniamo sulle entrate fiscali derivanti dall'acquisto. L'IVA pesa da sola per 7,59 miliardi. La famigerata IPT vale 1,8 miliardi di euro; il 6,3% in più del 2016, un altro fiume di denaro finito nelle casse delle province che in cambio ci regalano strade provinciali quasi peggiori di quelle comunali. Sul gettito da utilizzo dell'auto, un altro miliarduccio arriva dai lubrificanti, 1,01 per la precisione, una crescita dell'1%. Dalla sola IVA su manutenzione, ricambi, accessori e pneumatici il settore pubblico incassa ben 10,67 miliardi di euro, un aumento del 5,6%. Il gettito totale da queste attività vale 30,9 miliardi. Ci si paga una Finanziaria.

Se qualcuno pensasse che i pedaggi autostradali sono un business solo per i gestori, dovrebbe riflettere sui 2,11 miliardi di euro (+3,6%) che lo Stato incassa dalla relativa imposta. Poi crollano i ponti. E le assicurazioni? Qui c'è un calo: -0,8% ma sono sempre 3,85 miliardi.

Arriviamo poi alla voce contravvenzioni. Giustamente le multe sono incluse alla voce tasse, perché di questo si tratta, ormai. Nel 2017 il gettito dei soli comuni è arrivato a 1,7 miliardi di euro, il 45,6% in più. Un vero scandalo.

tasse auto italia

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail