Tesla: Robyn Denholm nuova Presidente, Elon Musk resta CEO

Il CDA di Tesla ha nominato il successore di Elon Musk alla carica di Presidente: è Robyn Denholm e fa parte del Consiglio d'Amministrazione dal 2014.


Robyn Denholm presidente cda tesla


Alla fine ha vinto, almeno in parte, Elon Musk: a succedergli nella carica di Presidente del CDA di Tesla, dopo le dimissioni imposte dal Tribunale in seguito alla vicenda dei tweet sul ritiro dell'azienda da Wall Street, è un "interno". Anzi "una": l'australiana Robyn Denholm, 55 anni, una delle due donne che già siedono nel CDA della casa specializzata in auto elettriche.

La Denholm ha già assunto il ruolo, ma sarà affiancata da Musk per i prossimi sei mesi in quanto non può lasciare prima di questo lasso di tempo il suo incarico in un'altra azienda: l'australiana Tesltra, che si occupa di telecomunicazioni.

Elon Musk rimane CEO di Tesla e tra tre anni, come previsto dall'accordo con la SEC, potrà riassumere la carica di Presidente di Tesla.


Sebbene la Denholm sia considerata una dei dirigenti di Tesla meno vicini a Musk, è comunque già dentro l'azienda da quattro anni. Tra i tanti nomi che si sono fatti nei giorni scorsi per la successione, invece, molti erano quelli di figure esterne a Tesla.

Come James Murdoch, Amministratore delegato della 21st Century Fox. Completamente estraneo a Tesla, Murdoch secondo il Financial Times era ben visto dai numerosi investitori che detengono la maggioranza del capitale (e quindi dei debiti) dell'azienda.

Musk, invece, preferiva la successione interna e sempre secondo il Financial Times spingeva per la nomina di Antonio Gracias, già independent director di Tesla e coinvolto in altre società di Musk. Un fedelissimo, insomma.

La scelta di Robyn Denholm è quindi una "onesta via di mezzo" assolutamente digeribile per Musk (a meno che il suo carattere esuberante non si metta nuovamente di mezzo) e che non dovrebbe rivoluzionare le strategie di Tesla nell'immediato futuro.

Anche perché la Denholm è una donna di esperienza anche nel settore automotive: prima ancora di entrare nel Consiglio di Amministrazione di Tesla, infatti, ha lavorato in Toyota.


"Robyn ha una grande esperienza sia nel settore tech che auto - commenta Musk - e ha dato un significativo contributo nel CDA di Tesla negli ultimi 4 anni, aiutandoci a diventare una compagnia che fa utili". Il riferimento è ai recenti, positivi, risultati finanziari di Tesla che dopo diversi anni è tornata in utile nel terzo trimestre 2018.

"Credo in questa compagnia, credo nella sua missione e miro ad aiutare Elon e il team di Tesla ad ottenere una sostenibile redditività e ad accrescere il valore per gli azionisti nel lungo termine" ha dichiarato Robyn Denholm alla sua prima uscita da Presidente, con il chiaro intento di rassicurare tutti coloro che da 15 anni mettono soldi in Tesla e attendono di vedere ripagati i loro investimenti con l'arrivo della rivoluzione delle auto elettriche.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail