Mini: le foto spia della John Cooper Works GP 2020

Dal prototipo alla realtà il passo è breve. Ecco pizzicata quella destinata ad essere la Mini più prestazione di sempre.

Chi pensava che la Mini John Cooper Works GP fosse solo una mera provocazione da ostentare allo scorso Salone di Francoforte, si sbagliava. Già, perché noi l’abbiamo pizzicata nelle fasi di test, un po’ come a dire: “questa follia si farà davvero”!  Ovvio, quella che vi mostriamo non è l’auto definitiva che vedremo in concessionaria, ma anche qui sfoggia lo stesso mastodontico alettone posteriore che avevamo visto sul modello formato concept car l’anno scorso. 

Del prototipo restano i freni di dimensioni maggiorate e i possenti scarichi, mentre la zona frontale sarà probabilmente, nella sua versione definitiva, maggiormente "addolcita". Altrettanto plausibile è che questa Mini John Cooper Works GP seguirà lo stesso destino delle sue due “antenate” conosciute negli scorsi anni. Di varianti estreme e targate GP ne avevamo già viste un paio appunto, nel 2006 e nel 2012 - quando in entrambe le annate furono immatricolati circa 2 mila pezzi. In sintesi: un pezzo da collezione.  

Ma guardando alla Mini JCW GP di prossima generazione possiamo già anticipare che avremo a che fare con un motore tradizionalmente da 2 litri di cilindrata, dotato però di una cavalleria che dovrebbe vantare non meno di 280 CV, forse addirittura 300 secondo qualche voce di corridoio. Di fatto, se questi numeri dovessero trovare conferma avremmo sotto gli occhi la Mini più potente di tutta la propria storia. E anche la più veloce, considerato il lavoro che i tecnici della casa anglo-tedesca stanno facendo anche per limitarne il peso.  

Quando la vedremo su strada? Non proprio a breve, almeno nel 2020. Facile quindi attendersi ulteriori info e immagini sull’evoluzione dei test. Staremo a vedere.

  • shares
  • +1
  • Mail