Niki Lauda, condizioni stabili: "Tutto procede come previsto"

"La famiglia Lauda non farà dichiarazioni pubbliche e richiede il rispetto della privacy"

12:25 - Le condizioni di Niki Lauda sono stabili: il primario di chirurgia toracica dell'Allgemeines Krankenhaus (Akh), Walter Klepetko, ha parlato dopo il trapianto cui è stato sottoposto l’ex pilota di Formula 1. "Per il momento tutto procede come previsto. Un paziente giovane può anche essere dimesso dopo due, tre settimane, mentre per uno più anziano la convalescenza è più lunga", ha chiarito alla tv austriaca Orf il medico. Il tre volte campione del mondo di F1, dunque, dovrà rimanere in ospedale e sotto osservazione per diverse settimane, anche perché ha alle spalle già un trapianto di reni. Prima di rivedere il presidente onorario della scuderia Mercedes di nuovo a bordo pista, dunque, bisognerà attendere un po’.

Niki Lauda ricoverato in gravi condizioni

L'ex pilota automobilistico Niki Lauda si trova ricoverato in gravi condizioni la clinica AKH di Vienna, dove è stato sottoposto d'urgenza al trapianto di un polmone come conseguenza dalla malattia di cui l'austriaco soffre da tempo.

Il tre volte campione del Mondo - con la Ferrari nel 1975 e nel 1977 e con la McLaren nel 1984 - aveva già subito un trapianto di reni nel 2005 - donato dalla figlia Birgit - e uno ancora nel 1997, donato invece dal fratello Florian.

A renderlo noto è stata la tv di stato austriaca ORF, che ha avuto confermato dallo stesso ospedale in cui il fondatore della compagnia aerea Niki e presidente onorario della scuderia Mercedes, si trova ricoverato:

Il trapianto è stato eseguito con successo da Walter Klepetko, capo del dipartimento clinico di chirurgia toracica, e da Konrad Hoetzenecker. Apprezziamo la vostra comprensione, la famiglia Lauda non farà dichiarazioni pubbliche e richiede il rispetto della privacy.

Niki Lauda ha compiuto 69 anni lo scorso 22 febbraio. Il campione austriaco rimase gravemente ferito nel famoso incidente al Nurburgring del 1976, riportando danni ai polmoni a causa dell'incendio che avvolse la sua Ferrari dopo l'impatto con le barriere. Quello del 1976 fu l'ultimo gran premio di Formula 1 disputato sul nordschleife, abbandonato l'anno successivo in favore del sudschleife, più corto e sicuro.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail