Dallara: la Stradale sfrutta la tecnologia Bosch

“Siamo lieti e grati di poter svolgere un piccolo ruolo nella realizzazione del sogno di una vita dell'Ing. Giampaolo Dallara”, ha dichiarato Bernhard Bihr, Presidente Bosch Engineering GmbH.  

e6356843-dallara-stradale-7.jpg

La Stradale è la prima vettura “di serie” progettata dalla Dallara, azienda italiana che costruisce telai per auto da corsa (e non solo). La sportiva è nata con l’obiettivo di regalare il massimo piacere di guida a chiunque si metta al volante, come testimoniano i soli 855 kg di peso e il cambio manuale a 6 rapporti.

La supercar è equipaggiata con la tecnologia Bosh: il colosso tedesco ha lavorato a stretto contatto con Dallara nella fase iniziale di test per garantire la massima sicurezza e il pieno controllo del mezzo senza compromettere, però, le prestazioni o il comportamento della Stradale. Per questo motivo l’auto monta il sistema elettronico di stabilità ESP 9.1, che, grazie ad una sensoristica specifica, limita al minimo gli interventi invasivi; un valore aggiunto viste le alte prestazioni da capogiro (0 a 100 km/h in 3,25 secondi, velocità massima di 280 chilometri orari e accelerazioni laterali superiori a 2g).

Inoltre, Bosch ha fornito alcuni sensori per il controllo del propulsore, la centralina motore ECU e il sistema di iniezione diretta. Con l’introduzione di queste componenti, i tecnici tedeschi hanno permesso un’erogazione ottimale del propulsore ad ogni regime.

Bernhard Bihr, Presidente Bosch Engineering GmbH, ha affermato: “Quello che mi ha impressionato fin dal primo giorno nel lavorare con il team Dallara è l'approccio appassionato e professionale nel trasferire la tecnologia e lo spirito delle corse in questa pura e fantastica vettura sportiva. La nostra cooperazione estremamente efficace e affidabile ha consentito tempi di sviluppo molto brevi. Siamo lieti e grati di poter svolgere un piccolo ruolo nella realizzazione del sogno di una vita dell'Ing. Giampaolo Dallara.”

  • shares
  • +1
  • Mail