Fiat 500: in Liguria il raduno delle auto storiche

Oltre 900 equipaggi si sono incontrati a Garlenda per il più grande raduno di Fiat 500 storiche.

La Fiat 500 è uno di quei modelli che non hanno bisogno di presentazioni. Una storia che potremmo definire pressoché “epica”, dagli albori datati ormai nel lontano 1957 fino ai giorni nostri. Oggi quindi è un fiorire di raduni, tra appassionati e fortunati proprietari di una delle vetture che hanno maggiormente segnato la storia dell’automotive. Quello appena concluso è sicuramente quello più rappresentativo, battezzato ufficialmente come “35° meeting Internazionale di Fiat 500 Storiche”, quest’anno tenutosi in quel di Garlenda, in Liguria nei pressi di Savona. 

A partecipare all’evento, probabilmente il più seguito dagli appassionati del mitico “cinquino” sono stati la bellezza di 900 equipaggi provenienti da ben 16 differenti nazioni. Tante culture e tradizioni quindi, unite da un unico comune denominatore: la passione per la Fiat 500. Garlenda è stata quindi invasa dallo scoppiettante rumore del bicilindrico torinese per eccellenza, in una particolarissima sfilata di colorate di vetture. Il tutto, ovviamente con lo sfondo di eventi culturali, enogastronomia e visite guidate, dedicate ”ad hoc” a tutti i partecipanti. 

Un divertente weekend in cui la carovana di vetture ha viaggiato in lungo e largo per la Liguria, attraversando i borghi più pittoreschi, dalla collina spingendosi fino alle sponde del Tirreno. Una festa a 360 gradi quella dedicata alla “piccolletta” italiana per eccellenza, nella quale è anche emerso l’impegno nel sociale da parte del “Fiat 500 Club Italia” - ufficialmente sia testimone dell’Unicef che della “Band degli Orsi”, associazione di volontari all’opera presso il reparto pediatrico dell’ospedale Gaslini di Genova. Tra le vetture d’epoca presenti è poi stata l’occasione per festeggiare il mezzo secolo di vita della “versatile” Fiat 500 L e i sessant’anni della più rara Fiat 500 Sport.

La Fiat 500 (disegnata da Dante Giacosa), lo ricordiamo, è stata prodotta negli stabilimenti di Torino e Termini Imerese dal 1957 al 1975, fu sostituita dalla "più moderna" Fiat 126. E' stata prodotta in oltre 5,2 milioni di esemplari.

  • shares
  • +1
  • Mail