Guida autonoma: Baidu sceglie la tecnologia Mobileye e presenta gli Apolong

In occasione del Baidu Create 2018, il colosso cinese rende noto il suo accordo con la società israeliana Mobileye e presenta gli Apolong, mini-bus a guida autonoma.

Guida autonoma, Baidu inizia i test su strade pubbliche in Cina

Nel secondo incontro annuale della Baidu AI Developers Conference, più conosciuta come Baidu Create 2018, l’azienda proprietaria del principale motore di ricerca cinese ha presentato novità importanti per quanto riguarda la guida autonoma: la prima ha a che fare con la collaborazione con Mobileye, società israeliana proprietà di Intel, e la seconda con l’immissione sulle strade cinesi degli Apolong, i mini-bus che si guidano da soli.

Intanto, Baidu adotterà la tecnologia Mobileye per parte del suo sistema di guida autonoma: ad esempio farà suo il Surround Computer Vision Kit, che sarà commercializzato in Cina e che prevede l'uso di 12 telecamere da posizionare lungo tutto il veicolo, le quali invieranno delle immagini da leggere con il supporto di un software apposito. L'accordo sottoscritto dai due partner prevede anche che l'azienda cinese dovrà adottare il modello Responsability Sensitive Safety (RSS) di Mobileye, con l’obiettivo di creare una definizione standardizzata della guida sicura e un insieme di protocolli che possano servire ai sistemi di guida autonoma per misurare la loro reale sicurezza; intanto, le due parti lavoreranno per adattare questo modello RSS al modo di guida cinese e alle condizioni stradali del Paese.

" In Mobileye, la garanzia di sicurezza dei veicoli autonomi è una delle questioni più importanti ,e noi siamo grati a Baidu di aver accettato di collaborare a questo progetto che ci vede impegnati a portare la sicurezza certificata sul mercato cinese dei veicoli autonomi" ha dichiarato Jack West, Chief System Architect di Intel.

Poi l'annuncio dei mini-bus Apolong con livello 4 di autonomia: questi prevedono 4 file di posti e la possibilità di trasportare fino a un massimo di 14 persone. La flotta ne conta già 100, che verranno diffusi tra Shenzhen, Beijing, Xiongan, Wuhan e Tokyo, già dal prossimo anno, ma potranno muoversi solo su strade di zone prestabilite, in particolare luoghi turistici e aeroporti.

Baidu ha presentato, inoltre, la versione aggiornata di Apollo 3.0 - presentata per la prima volta poco più di un anno fa -, il suo software di gestione della guida autonoma, che consente ora di parcheggiare e migliora il supporto delle MicroCar. Questo sarà integrato con AI telematics OS, un software che permetterà l’interazione fra conducente e veicolo tramite la conversazione, il riconoscimento facciale e la navigazione con la realtà aumentata. Tra i costruttori partner della piattaforma Apollo, anche Jaguar Land Rover, Daimler e Ford.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 6 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO