Guida assistita: ZF e Mobileye insieme per telecamere evolute

La multinazionale tedesca e la controllata israeliana di Intel uniscono le forze per offrire ai costruttori auto sistemi sempre più avanzati.


ZF e Mobileye guida autonoma


Importanti novità dal settore degli ADAS, gli Advanced driver-assistance systems, cioè le tecnologie di guida assistita (in futuro guida autonoma) che dovrebbero migliorare la sicurezza e il comfort di guida sulle moderne automobili: ZF e Mobileye hanno siglato un contratto sulle telecamere evolute.

Telecamere della famiglia ZF S-Cam4, in versione sia mono-camera a singola lente che premium a tre lenti. La prima versione nasce specificatamente per individuare pedoni e mezzi a due ruote e comandare la frenata di emergenza. ZF afferma che tale camera è progettata per soddisfare i requisiti dei protocolli di prova EuroNCAP (le famose stelle). In entrambi i casi le S-Cam4 sono dotati di elettronica Mobileye EyeQ4.

La versione a tre lenti va anche oltre e può essere integrata nei sistemi di guida semi-automatizzata grazie ad un teleobiettivo, che migliora la visione della camera a lunga distanza, e ad una lente "fish-eye", che migliora invece la visione da vicino allargando il campo visivo.

"Il connubio tra ZF e Mobileye dimostra che la tecnologia avanzata per telecamere sta apportando grandi vantaggi ai conducenti e alla società - commenta Aine Denari, Senior Vice President della divisione Sistemi avanzati di assistenza al conducente di ZF - Siamo lieti di continuare a fornire le tecnologie più avanzate al mondo per telecamere, che possono contribuire a ridurre il numero di incidenti e ad aprire al contempo la strada alla guida automatizzata".

"Questo programma rappresenta un ulteriore passo nel percorso intrapreso da Mobileye con il partner di lunga data ZF per fornire sistemi ADAS che rispondano alle più severe norme di sicurezza avanzate nonché assicurino al consumatore una preziosa funzionalità semi-automatica" commenta invece Erez Dagan, Senior Vice President, Sviluppo avanzato e strategia di Mobileye.


Sono decine i costruttori auto nel mondo che acquistano le telecamere e i sensori da ZF per integrarli nei loro sistemi ADAS. Le telecamere frontali sono il prodotto al momento più richiesto, perché fanno parte di una tecnologia (quella della frenata di emergenza assistita) ormai imprescindibile per la sicurezza sulla strada (anche se con prestazioni ancora non impeccabili).

Per quello che è il futuro di questi sistemi, e cioè la guida autonoma vera e propria in cui il conducente diventa un passeggero, ZF ha adottato l'approccio SEE-THINK-ACT: sensori ambientali che scrutano in continuazione l'ambiente circostante per poi passare le informazioni a microprocessori dotati di intelligenza artificiale che decidono quale comportamento deve avere il veicolo nelle frazioni di secondo successive.

  • shares
  • +1
  • Mail