WEC: nel 2020 in pista con le hypercar?

Nonostante la categoria dei prototipi abbia regalato grande spettacolo nel corso degli anni, questa potrebbe sparire per far posto a qualcosa di addirittura migliore.

2084538_1509442712-kzjh-u1101790828513arf-1024x576lastampa-it_.jpg

Nel Mondiale Endurance, più precisamente nella categoria LMP1, negli ultimi anni si sono vissute fasi contrastanti: fino a un paio di anni fa, quando ancora partecipavano Audi e Porsche, la categoria era in grado di fronteggiare, sul piano degli ascolti, persino la Formula 1 (vedi concomitanza GP di Baku e 24 Ore di Le Mans). Ad oggi, invece, dopo l’addio al campionato del duo tedesco, la classe regina è in seria difficoltà e fra i “big” rimane sola Toyota.

La principale causa sono i costi mastodontici a cui i team devono sopperire. Per risolvere questo problema, ai piani alti si sta pensando ad una vera e propria operazione revival: infatti, secondo alcune indiscrezioni, dal 2020 potrebbe nascere una nuova categoria fatta di hypercar, che sostituisca quella dei prototipi.

Questa soluzione permetterebbe alle case costruttrici di investire solamente la metà del budget attuale. Probabilmente i marchi più interessati a questa formula sarebbero Aston Martin, che già orbita intorno al mondo WEC, e McLaren, che sta cercando nuovi sbocchi oltre alla F1.

Se volessimo allargare il campo, non ci sarebbero solo i due costruttori inglesi con la Valkyrie e la Senna ma anche Ferrari LaFerrari, Porsche 918 Hybrid, Mercedes-AMG Project One e, in un futuro prossimo, anche la hypercar della Toyota, derivata dal GR Super Sport Concept. Tutte in versione da gara (come se quelle di “serie” non fossero abbastanza estreme) e con potenze ravvicinate grazie al “Bop” (Balance of Performance): un sistema che consente di livellare le prestazioni delle auto, già usato in GTE PRO.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 7 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO