Truffa dello specchietto: anziano derubato 2 volte…di seguito

La truffa dello specchietto colpisce ancora: il pensionato è stato indotto a ritirare 2.000 euro per risarcire i malviventi.

specchietto.jpg

La classica truffa dello specchietto ha colpito ancora: a Torino, un ragazzo ha accusato un pensionato di aver colpito lo specchietto della sua macchina e ha chiesto all’anziano 1.000 euro in contanti come risarcimento. Il malcapitato, dopo essersi convinto della versione del giovane, si è recato in banca per prelevare il denaro e l’ha consegnato al malvivente per ripagare il danno causato.

Una volta chiusa la vicenda, la vittima di questa truffa ha rivissuto la stessa situazione, appena mezz’ora dopo: infatti, un altro ragazzo, a bordo di un’altra auto, ha chiesto altri 1.000 euro in contanti, sempre come risarcimento per uno specchietto danneggiato. Il signore, anche in questo caso, si è diretto nella filiale della sua banca, ha ritirato la somma e ha pagato il truffatore.

Fortunatamente, l’impiegata dell’istituto di credito, insospettita dal doppio prelievo in un lasso di tempo così ravvicinato, ha prontamente avvisato le autorità competenti, come riporta TorinoToday.

Poco dopo, uno dei due conducenti è stato fermato dalla Polizia e arrestato per tentata truffa aggravata: si tratta di un giovane italiano di 22 anni con precedenti penali, con lui anche una ragazza italiana di 20 anni, denunciata per il medesimo reato. In seguito, il malvivente è stato condannato a 6 mesi di reclusione. Non è stato identificato, invece, l’altro truffatore con molta probabilità conoscente dei due ventenni italiani.

Come sempre, il consiglio in queste situazioni è quello di avvertire i vigili urbani, in caso l’altro guidatore chieda dei soldi contanti come risarcimento per un presunto danno alla vettura.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 11 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail