Kia al Salone di Ginevra 2018

Al Salone di Ginevra 2018 la nuova Ceed del marchio coreano perde l'apostrofo, ma guadagna un forte restyling estetico.


Al Salone di Ginevra 2018 la nuova Ceed perde l'apostrofo, ma guadagna un forte restyling estetico. Le linee, più simili a quelle del modello precedente, ma la parte anteriore presenta delle nervature che le donano un piglio più aggressivo dal chiaro richiamo sportivo.

Sulla parte frontale il sistema Active Air Flap, disponibile con il pacchetto ECO Pack, è in grado di aprire e chiudere la presa d'aria frontale in base alla temperatura del motore per migliore l'aerodinamica della vettura e diminuire i consumi di carburante.

Kia al Salone di Ginevra 2018.
La nuova Kia Ceed è 20 mm più larga e 23 mm più bassa rispetto al modello precedente, rispettivamente 1.800 mm e 1.447 mm. Il passo rimane lo stesso, 2.650 mm, con la sporgenza anteriore ridotta di 20 mm, ora fissata a 880 mm e lo sbalzo posteriore cresciuto di 20 mm, 780 mm. Il bagagliaio ha una capacità di carico di 395 litri. I motori benzina partono dal 1.0 T-GDi, turbo con iniezione diretta da 120 CV, seguito dal 1.4 T-GDi. Infine, il nuovo propulsore “Kappa” 1.4 T-GDi da 140 CV, 4% più potente del suo predecessore, prende il posto del 1.6 GDI.

Kia al Salone di Ginevra 2018
Kia presenta anche la nuova Rio GT-Line, una versione più compatta e sportiva della piccola coreana. Inediti cerchi da 17 pollici, griglia anteriore “tiger-nose” con elementi neri e cromati e fendinebbia a LED "Ice-cube". Il motore è il tre cilindri 1.0 T-GDI da 120 CV e 172 Nm con trasmissione manuale a sei velocità e un consumo medio dichiarato dalla casa di 4,7 l/100 km con emissioni di CO2 di 107 g/km.

Kia al Salone di Ginevra 2018.
Infine la nuova gamma Kia Optima disponibile in due motorizzazioni: l’inedito diesel “U3″ 1.6 litri CRDi e il benzina 1.6 litri T-GDi. Si tratta di due nuovi motori dotati della tecnologia di controllo delle emissioni SCR, Selective Catalytic Reduction. Il propulsore a benzina da 1,6 litri e 178 cavalli è lo stesso utilizzato sulla Kia Sportage e sulla Hyundai Kona e si inserisce tra il 2.0 GDi aspirato da 161 cavalli e il T-GDi 2.0 da 245 cavalli disponibile proprio sulla Optima GT e abbinato al cambio automatico a doppia frizione a sette marce con paddle al volante.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO