Tesla: no ai Supercharger per usi commerciali

La società americana ha rilevato un abuso nell'utilizzo della rete di carica veloce, così ha deciso di introdurre questa nuova norma

Tesla Supercharger

I proprietari di una Tesla Model S o Model X, che utilizzano la propria vettura per scopi commerciali, non potranno utilizzare la rete Supercharger. La società di Elon Musk, infatti, ha deciso di proibire questo utilizzo, con le nuove norme introdotte in questi giorni. Il motivo? Negli Stati Uniti è stato rilevato un abuso nell’uso della rete, con vetture lasciate in carica anche tutta la notte.

Così, è arrivata questa decisione, con cui viene vietata la ricarica ai taxi ed alle auto per il car sharing, per le consegne commerciali, il trasporto merci e governative. L’accesso ai Supercharger sarà, dunque, limitato alle vetture private in previsione di lunghi viaggi, motivo originario per cui la casa americana sta realizzando e diffondendo queste stazioni di ricarica ad altissima velocità.

Tutte le nuove auto, acquistate dopo il 15 dicembre, non potranno più ricaricare all’interno dei Supercharger se utilizzate per fini commerciali. Tesla, inoltre, ha annunciato che sarà in grado di “limitare o bloccare la possibilità dei veicoli di utilizzare le stazioni Supercharger” nel caso in cui proprietari ne faranno un utilizzo errato, non rispettando le nuove norme.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail