Smart Mobility Forum: uno sguardo al futuro della mobilità

Serve un’offerta sempre più smart: digitale, connessa e condivisa. E c'è l'obiettivo di creare una community per parlare di questi temi

Smart Mobility Forum

Il mondo della mobilità sta cambiando ed è sotto gli occhi di tutti, così nasce l’idea del confronto tra varie aziende del settore: è quanto accaduto a Milano allo Smart Mobility Forum, con la volontà di creare una community per una mobilità smart. “L’obiettivo è non subire i cambiamenti, ma cercare delle soluzioni per anticiparli”, le parole di Andrea Cardinali, presidente di Alphabet in Italia, una delle aziende promotrici di questo evento, “che sarà solo la prima tappa di un percorso”.

Ci sono nuove tendenze sociali e nuove opportunità e “non è più necessaria l’auto di proprietà”, dunque, serve un’offerta sempre più smart: digitale, connessa e condivisa. Tra queste c’è sicuramente il car sharing, che sta prendendo piede in Italia, anche se solamente in alcune città, come nel capoluogo lombardo. “La stessa persona, durante l’arco della giornata, ha diverse esigenze – spiega Andrea Leverano, managing director italiano di DriveNow – E, noi vogliamo coinvolgere direttamente il cliente, capendo le necessità anche tramite le loro interazioni e condivisioni sui social”.

Tra le necessità, c’è un cambiamento dell’assicurazione RCA. Pensando ad un futuro con poche macchine di proprietà e grande condivisione, con più auto guidate nel corso della giornata, “dovrebbe esistere la possibilità di assicurare la persona – dice Cardinali - e non la singola auto”. Un altro tema è il sistema di pagamento per i trasporti: “Serve dare informazioni, integrare i servizi di mobilità – è l’opinione di Dante Antognoni, amministratore delegato di Telepass Pay – dando un unico accesso tramite un’app”. Per poter pagare tutti i servizi tramite lo smartphone.

Si parla anche di ambiente, visto che questa nuova mobilità è sostenibile. “Il cambiamento è adesso – le parole di Andrea Poggio di Legambiente – Dobbiamo capire che quel mondo è finito: i diesel sono in grande calo in Europa ed è cambiato lo stile di vita, solo un terzo usa solo un mezzo nel corso di una giornata”. E l’auto autonoma? “Il focus del Forum non è sul 2030 – spiega Cardinali - ma su oggi”. Una ricerca sulla ‘Generazione Z’, i giovani tra 14 e 22 anni, conclude la giornata: “Il tempo è un valore irrinunciabile. E personalizzare la mobilità è fondamentale”.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail