Auto Moto: incaprettare un uomo non fa ridere

I francesi di Auto Moto pensano di essere spiritosi incaprettando qualcuno nel bagagliaio a Corleone. Ma non fanno ridere nessuno.

auto-moto-incaprettamento.png

Premessa: di quello che vedrete e leggerete qui sotto non sono responsabili Skoda, che ha scelto la Sicilia come splendida sede del test drive della nuova Karoq, ne tantomeno i colleghi italiani di AutoMoto, che non hanno nulla a che spartire con gli omonimi francesi.

Mi considero una persona spiritosa, aperta agli scherzi ed alle battute. Mi piacciono le barzellette, ammetto di averne sentite e dette "sopra le righe" in compagnia di amici o conoscenti. Credo che il buon umore faccia bene alla salute e, spero, possa essere contagioso.

C'è poi una professione, o presunta tale, dove si dovrebbe essere obiettivi informando i lettori. Certo, in alcuni casi diventa spettacolo o intrattenimento, ma così va il mondo. Ho riso di gran gusto alle battute di Clarkson, Hammond e May, anche le più affilate, anche quelle rivolte all'Italia ed alle brutte abitudini degli italiani. Bisogna saper cogliere l'ironia o la satira, quando chi la propone ci sa fare. Purtroppo il successo di Top Gear o The Gran Tour, ha liberato le gabbie di soggetti improvvisati, che si credono comici, ma non lo sono.

Perchè un conto è l'ironia, un conto è l'insulto gratuito. Non c'è nulla da ridere nel vedere un uomo legato ed incaprettato all'interno di un bagagliaio; la mafia è un affare serio. Averla trattata con leggerezza ed ignoranza, caro Arthur Matal, mi manda in bestia.

Tu offendi tutti quelli che sono morti in quel modo, e neanche ci hai pensato. Hai immaginato che fosse un video divertente, lo hai girato ridacchiando con i tuoi colleghi. Magari hai scelto la colonna sonora mentre ti abbuffavi delle specialità siciliane, e poi tutto soddisfatto lo hai pubblicato. No Arthur, ti devi rendere conto che non stiamo ridendo. Hai offeso tutte le vittime della criminalità in Sicilia, tutti quelli che ogni giorno la combattono e tutti quelli che la subiscono.

Se potessi incontrarti ti chiederei il biglietto da visita. Forse ti presenti a tutti come giornalista. Fattelo dire, ti manca qualcosa. Neanche troppo distante dalla Sicilia, a Malta, proprio l'altro giorno Daphne Caruana Galizia è morta nell'esplosione della propria auto. Lei era una Giornalista, tu no.

Tu sei quello che andrà a Malta a ridere delle auto bomba, oppure chissà... andrai a Tokio a fare battute sulla Yakuza, oppure a Bogotà o Tijuana per fare un video divertente sui narcos. Il coraggio non ti manca vero? Chissà se vedremo una delle tue belle scenette a Marsiglia, magari con un bella canzone di Edith Piaf in sottofondo. Ecco, speriamo di no.

  • shares
  • +1
  • Mail