Mini Electric Concept: l'elettrica arriva a Francoforte

Aerodinamica curata al massimo e look grintoso, la vera prova generale per la Mini Elettrica in arrivo nel 2019

Concept di nome, ma non di fatto, perché per Mini stavolta è davvero partito il conto alla rovescia per una sua vettura a trazione elettrica in listino. Presentata in netto anticipo rispetto alla sua anteprima ufficiale al Salone di Francoforte, in programma dal 12 settembre, Mini Electric Concept è la base di una vettura dimostrativa come accaduto con la mIni E datata 2008 e realizzata in poche centinaia di esemplari. Per il marchio britannico lo stato maggiore BMW ha già fissato al 2019 il lancio della Mini elettrica, esclusivamente con carrozzeria a tre porte che affiancherà l'attuale Cooper S E Countryman ALL4, l'ibrida plug-in con 224 Cv di potenza e 42 km di autonomia ad emissioni zero, già in vendita.

Del resto, entro il 2025 il Gruppo Bmw si attende che le vendite di proprie auto elettriche o elettrificate raggiungeranno una quota compresa fra il 15 e il 25%. Se dunque la Electric Concept da per scontato il percorso, propone invece quella che sarà l'impostazione di un prodotto che sarà riconoscibilmente Mini, ma anche molto più aggressivo nel look. Le proporzioni sono quelle più classiche del modello, con fari tondi full Led e gli sbalzi della carrozzeria ridotti al minimo sindacale, ma il logo E , come Electric, diventa parte del design con continui richiami nei dettagli e nelle decorazioni della verniciatura, per cui è stato scelto un tono Striking Yellow ricco di sfumature.

mini-electric-concept-2017-8.jpg

Ciò che ritroveremo nella Mini E di serie è l'attenzione maniacale all'aerodinamica, con l'abbattimento maggiore possibile della resistenza dell'aria a vantaggio dell'autonomia. Electric Concept monta minigonne laterali molto profonde e un estrattore posteriore extralarge in vetroresina per contenere le turbolenze, ma anche in cerchi da 19 pollici che aiutano a canalizzare i flussi dell’aria. Altri dettagli a basso impatto aerodinamico sono la calandra chiusa, in mancanza di un vero radiatore, maniglie a scomparsa e cerchi in lega da 19 pollici con un design asimmetrico studiato per contenere le turbolenze.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO