Accordo BMW FCA per la guida autonoma

Accordo tra BMW FCA per lo sviluppo delle auto a guida autonoma insieme al colosso Intel. Ecco i dettagli.

BMW Guida Autonoma

Accordo BMW FCA per la diffusione dell'auto a guida autonoma. Insieme a Intel e Mobileye (società Intel), il costruttore bavarese e il Gruppo Fiat Chrysler Automobiles hanno sottoscritto un memorandum d'intesa secondo cui le società lavoreranno allo sviluppo di una piattaforma all'avanguardia nella tecnologia della guida autonoma. Come si legge nella nota congiunta, "i partner dello sviluppo intendono far leva sui reciproci punti di forza, capacità e risorse con l'obiettivo di migliorare la tecnologia della piattaforma, aumentare l'efficienza dello sviluppo e ridurre il tempo di immissione sul mercato".

Uno dei fattori che consentirà di raggiungere tali obiettivi sarà la co-location di ingegneri in Germania e in altri luoghi: "Per migliorare la tecnologia di guida autonoma è fondamentale dar vita a partnership tra produttori di autoveicoli e fornitori di tecnologia e componenti" ha detto Sergio Marchionne, amministratore delegato di FCA. Pensiero condiviso dal presidente del consiglio di gestione di BMW, Harald Krüger: "I due fattori che rimangono fondamentali per il successo della collaborazione sono l'eccellenza senza compromessi nello sviluppo e la scalabilità della nostra piattaforma di guida autonoma".

Già nel luglio 2016 BMW, Intel e Mobileye avevano annunciato una partnership per i veicoli a guida autonoma per portare in produzione entro il 2021 soluzioni per la guida altamente automatizzata (Livello 3) e la guida completamente automatizzata (Livelli 4/5). Da allora è iniziato l'impegno verso lo sviluppo di un'architettura modulare che può essere utilizzata da altri costruttori in tutto il mondo preservando l'unicità dei marchi. Ora l'obiettivo è quello di mettere su strada 40 auto a guida autonoma sperimentali entro la fine del 2017. Inoltre le società puntano a beneficiare di dati e conoscenze ricavati dalla flotta di 100 veicoli di prova di livello 4 di Mobileye. L'accordo BMW-FCA sul #futureofdriving2021 potrebbe in futuro comprendere altri partner dato l'invito rivolto a ulteriori costruttori e fornitori di tecnologia.

Il comunicato arriva proprio nelle ore in cui il governo della Cina sarebbe interessato a far acquisire il costruttore italo-americano dai colossi automotive cinesi. Il gruppo Geely Automobiles, sorvegliato speciale per una eventuale operazione, ha smentito l'ipotesi che però non ha frenato la corsa del titolo in Borsa. Secondo Automotive News, l'ipotesi di acquisto riguarderebbe tutti i marchi di FCA tranne Alfa Romeo e Maserati, il cui controllo rimarrebbe sotto il gruppo Exor.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 29 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO