Via libera al drogometro in tutta Italia

La Direttiva Minniti ne estende l’uso in tutta Italia dopo la sperimentazione.

Carabinieri

Lo scorso 21 luglio, il Ministero dell’Interno ha emanato un’importante direttiva, la cosiddetta Direttiva Minniti, dal nome del Ministro in carica, per contrastare tutte le cause alla base degli incidenti stradali, tra cui l’uso di sostanze stupefacenti.

Come ci ricorda il sito studiocataldi.it, la direttiva promuove l’uso del cosiddetto drogometro, strumento già sperimentato in ben 35 province italiane durante il 2015. Il drogometro permette di effettuare un test in tempo reale sul conducente per verificare l’eventuale assunzione di sostanze stupefacenti prima di mettersi alla guida.

Se il test effettuato mediante il drogometro sarà positivo, l’automobilista sarà sottoposto ad un prelievo ematico. Il sangue verrà poi inviato a Roma per le analisi secondo un rigido protocollo.

Inoltre, l’automobilista sarà sottoposto ad una visita medica per accertare che la presenza di droghe nell’organismo abbia effettivamente alterato le sue capacità psico-fisiche. La direttiva assume la forma di una circolare del servizio di Polizia Postale e se il metodo verrà applicato, sempre secondo il Ministero, il prossimo passo sarà ampliare i test anche alle cosiddette nuove droghe.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 163 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO