Kia Picanto: prova su strada

La piccola di Kia provata su strada: com'è e come va la nuova Picanto.

Kia Picanto 1.2 - Piccole, anzi piccolissime. Sono le automobili da città, quelle nate per spostarsi nel traffico e parcheggiare in men che non si dica. Un segmento senza compromessi, nel quale di necessità si fa sempre virtù. Lo sappiamo bene noi italiani, che insieme ai giapponesi siamo stati capostipiti di questa filosofia. Per il successo non ci sono ingredienti magici quanto pochi ma buoni punti di partenza: 1) un bel design, simpatico e coinvolgente, che sappia combinare misure "mignon" ed abitabilità e comfort a bordo 2) maneggevolezza su strada 3) un motore "allegro" quanto "risparmioso".

Detto fatto: in Corea nel 2003 Kia ha "inventato" la Picanto, una cinque porte arrivata oggi alla terza generazione più matura che mai. Abbiamo deciso di capire di che pasta è fatta, provandola a fondo in uno degli allestimenti più completi, il GT Line con pacchetto estetico sportivo e motore 1.2 benzina da 84 cavalli.

Kia Picanto: com’è

Il design prima di tutto: questa Picanto non è affatto banale. Linee arrotondate che incontrano linee spigolose, in un contrasto ben riuscito. Nonostante le misure ridotte, la linea del tetto arriva al cofano formando un cuneo dall'aspetto sportivo. Così come, anche nelle versioni base, la caratteristica griglia Kia le dona tocco pizzico di cattiveria che non guasta mai. Certo, nella "nostra" GT Line la sportività è amplificata, quasi all'eccesso, ma l'aspetto "peperino" nei colori rosso e nero, è azzeccato. Questa Picanto punta più all'emozionalità che alla razionalità ed il risultato è un design divertente, che non annoia mai, nonostante una lunghezza di soli 3,6 m ed una larghezza di 1,6 m.

Salendo a bordo, l'impressione dell’abitabilità interna è ottima. E' vero: sui sedili anteriori si sta "vicini vicini" ma lo spazio per testa e gambe non manca. A noi che piace guidare in comodità, abbiamo notato l'assenza di un vero e proprio bracciolo centrale: il poggiabraccio è presente ma è molto arretrato ed è piuttosto piccolo. Discorso simile per i passeggeri posteriori, anche se i più alti devono un po' sacrificare la posizione delle gambe.

Viaggi lunghi? In quattro la risposta è "si può fare". In cinque, se adulti, sarà necessario rinunciare al comfort e farsene una ragione. Chiaro: rumore e vibrazioni non sono da grand tourer: la Kia Picanto da il meglio di sé nei piccoli spostamenti urbani ed extraurbani anche perché nel bagagliaio da 255 litri ci stanno un paio di borse morbide e poco più. Oppure, tradotto, cinque sacchetti della spesa. Proprio nei brevi spostamenti si apprezza la sua compattezza e l’agilità garantita da un corpo vettura così piccolo e leggero. Ed il parcheggio non è mai un problema.

COMFORT 8

Piccola ma ricca: Kia non è voluta scendere a compromessi con tecnologia e sicurezza. Un esempio è l'impianto di infotainment da 7 pollici con connettività Apple Carplay e Android Auto, molto semplice da usare e generalmente preciso e rapido, anche nella navigazione. Un altro esempio sono le dotazioni di sicurezza con l'Autonomous Emergency Braking disponibile in opzione su tutte le versioni che, in caso di pericolo, riesce a evitare, o ridurre le conseguenze, di possibili incidenti fino a una velocità massima di 80 chilometri all'ora.

La gamma della nuova Kia Picanto si compone di quattro diversi allestimenti e tre motorizzazioni. Il modello provato è proprio il top di gamma, con il 1.2 benzina GT Line: una combinazione unica di motore e allestimento proposta a 15 mila euro. I prezzi partono dai 10.800 euro della Kia Picanto 1.0 City, con questo motore che può essere ordinato anche nella versione a GPL con prezzi a partire da 12.300 euro.

Kia Picanto: come va

Il nostro esemplare, come anticipato, montava un 1.2 da 84 cavalli e 122 Nm di coppia. Questo piccolo quattro cilindri è un buon compagno nella vita di tutti i giorni a patto di non avere pretese elevate. Le prestazioni? La Picanto non è brillantissima in ripresa, ma si lascia guidare in scioltezza, soprattutto nei contesti urbani. L’accelerazione con i suoi 0 a 100 km/h in 12 secondi così come l'allungo, non è da sportiva, ma questo non la rende impacciata nel traffico. Veniamo allora al punto positivo: quello che più ci è piaciuto sono i consumi. In quasi 2.000 km la piccola coreana ha percorso in media più di 16 chilometri al litro: in 1.981 km ha consumato 122 litri di benzina. Un dato che, trattandosi di un modello che al momento del ritiro aveva solo poche centinaia di chilometri all'attivo, è destinato a migliorare col tempo.

MOTORE 7

Tra i punti dolenti della Picanto così come in generale in questo segmento, c’è il cambio manuale a cinque marce. La prima ci è sembrata piuttosto corta mentre le altre marce sono lunghe e costringono spesso a scalare per dare un po' di brio al motore. Anche la frizione è da vera cittadina: il pedale è estremamente morbido e, praticamente inconsistente, pur essendo particolarmente faicile da utilizzare. Lo sterzo permette senza fatica un'ottima agilità nei parcheggi e nelle manovre più strette, come per ogni city car che si rispetti. Dall'altro lato della medaglia, essendo morbido e per nulla contrastato, ed avendo una demoltiplicazione elevata, costringe a grandi movimenti di braccia nelle curve più strette e anche in rotonda. Non si può avere tutto, insomma.

SU STRADA 7

In generale la Kia Picanto si lascia guidare abbastanza bene e soffre un po' nel misto veloce. Sui curvoni autostradali non si ha grande sensazione di stabilità, contrariamente a quanto avviene nella guida cittadina e alle andature medie. La tenuta di strada è buona per il segmento, così come il comfort di marcia. L’assetto non è molto rigido ma soffre nelle rapide sollecitazioni causate da buche e sconnessioni profonde. Il rollio non è dei più elevati e l’assetto appare ben tarato a patto di non esagerare con le velocità in curva. Nella guida in città l’abitacolo è ben isolato, e la piccola coreana si è rivelata molto più silenziosa perfino di alcune concorrenti dei segmenti superiori.

La Kia Picanto è una compatta capace di portarvi a destinazione in sicurezza senza rinunciare al comfort e senza dover spendere cifre stellari. Le prestazioni sportive non sono evidentemente da prima della classe ma per una city car bastano e avanzano, soprattutto considerando il prezzo d’attacco di 10.800 euro.

Voto Finale
8

Kia Picanto: Listino Prezzi 2017


Kia Picanto: Scheda Tecnica 2017


  • shares
  • Mail