Nissan Signal Shield

La casa automobilistica giapponese presenta una soluzione per scoraggiare l’uso del telefono al volante.

In un’epoca dominata dai populismi e dal risveglio nazionalista l’unica cosa che va oltre le differenze o, presunte tali, e forse accomuna tutto il genere umano è l’uso del telefono cellulare o dello smartphone alla guida, anche e soprattutto in presenza di sistemi di connettività on board. Secondo una ricerca del Royal Automobile Club inglese, nella terra di Sua Maestà il numero delle persone che ammette di usare il cellulare alla guida è salito dall’8% registrato nel 2014 al 31% del 2016.

Dall’altra parte dell’Oceano Atlantico uno studio effettuato nel 2014 su oltre mille automobilisti ha sottolineato come il 98% degli intervistati ritiene molto pericoloso inviare sms e parlare al telefono durante la guida, ma al tempo stesso il 74% confessa di averlo fatto comunque, mentre il 30% tende a giustificarne l’uso al volante perché visto come un’abitudine radicata che non pregiudica la normale guida dell’auto. Anche il Governo italiano sembra ricorrere ai ripari studiando un provvedimento che prevede il ritiro della patente per l’uso improprio del telefono alla guida. Secondo i dati riportati dalla Polizia Stradale e dall’Ania, il 20% del totale degli incidenti in Italia è provocato dall’uso dei telefonini alla guida.

Sono molte le case automobilistiche che stanno riflettendo su questo problema cercando di studiare soluzioni appropriate a volte mirate proprio a scoraggiare l’uso del telefono in macchina adottando anche delle soluzioni estreme. L’ultima idea viene proprio dalla Gran Bretagna dove Nissan, adottando un’invenzione nata quasi due secoli fa, ha creato un sistema in grado di ridurre drasticamente le distrazioni dovute all’uso improprio del telefono durante la guida.

Nissan Signal Shield

La soluzione della casa giapponese, attualmente un prototipo, è l’adozione della gabbia di Faraday inserita in un piccolo scomparto all’interno del bracciolo di Juke. Il Nissan Signal Shield è in grado di schermare totalmente il telefono contenuto nello scomparto bloccando tutti i segnali in uscita e in entrata, incluse le connessioni Bluetooth e Wi-Fi. Un’idea semplice ed intelligente che sembra basarsi più sul buon senso e sulla consapevolezza della pericolosità dell’uso del telefono al volante lasciando libera scelta all’automobilista.

Per ripristinare tutti i segnali basta aprire di nuovo lo sportello del vano Nissan Signal Shield e il telefono si ricollegherà alla rete mobile e al Bluetooth di bordo. All’interno dello scomparto il telefono è connesso via cavo USB o Aux all’impianto audio della vettura cosa che rende possibile ascoltare la propria playlist preferita sul cellulare.

Come dichiarato da Alex Smith, Managing Director di Nissan Motor GB Ltd:

“Nissan Signal Shield è una possibile risposta al problema, poiché permette al guidatore di scegliere di ‘escludere’ temporaneamente lo smartphone, aumentando il livello di attenzione e controllo al volante. Alcune persone riescono facilmente a ignorare lo smartphone, ma a chi invece presta orecchio alle continue notifiche, il sistema offre una soluzione molto semplice nel mondo interconnesso in cui viviamo.”

Una soluzione troppo estrema? Forse gli ingegneri della Nissan non hanno tutti i torti, si tratta in fin dei conti di un comportamento compulsivo, una vera dipendenza e, come accade in tutte le dipendenze, l’unico modo per uscirne è “tenere lontano” l’oggetto che la causa.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO