Governo: ritiro della patente per guida con cellulare

Il Governo sta studiando un provvedimento che prevede il ritiro della patente per uso improprio del telefono alla guida.

guida-cellulare.jpg

La notizia è stata diffusa dall’Ansa un paio di giorni fa, in piena festa Pasquale, il Governo sta pensando di inasprire fortemente le sanzioni per chi usa il cellulare alla guida fino a prevedere addirittura la sospensione della patente. Secondo quanto dichiarato in confronto svoltosi al Salone di Giustizia dal Vice Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti:

''A chi fa uso durante la guida di telefoni cellulari, smartphone o apparecchi simili occore applicare sanzioni più severe fino a prevedere la sospensione della patente di guida per un periodo determinato. Sono emersi interessanti suggerimenti per completare il lavoro in corso sulla sicurezza stradale sui quali avviare un confronto con il Ministero degli Interni’.”

Per il Vice Ministro si tratta di un intervento che fa parte di un pacchetto più ampio volto a garantire una maggior sicurezza sulle strade e che comprende anche delle modifiche ad una serie di norme come quelle che regolano la circolazione dei veicoli con targa straniera, il contrasto all’evasione assicurativa, la semplificazione delle procedure di notifica dei verbali di contestazione, l’applicazione della misura del sequestro del veicolo per l’elusione del pagamento del pedaggio autostradale per le auto estere e la revisione delle norme relative ai trasporti eccezionali.

Si tratta di un provvedimento che, a quanto sembra, il Governo varerà già a partire dal mese di maggio in attesa che in Senato riparta l’iter previsto per aggiornare il Codice della Strada. Con la legge attuale, in caso di guida con cellulare si rischia un’ammenda compresa tra i 160 e i 646 euro, insieme alla decurtazione di cinque punti della patente, mentre il ritiro del permesso di guida è previsto solo in caso di recidiva.

Un intervento a quanto sembra necessario e che, come succede per molte leggi, va a sostituire quello che dovrebbe essere il buon senso comune se si calcola che, come emerge dai dati riportati dalla Polizia Stradale e dall’Ania, il 20% del totale degli incidenti è provocato proprio dall’uso improprio dei telefonini alla guida.

  • shares
  • +1
  • Mail