Bollo auto più caro con carta di credito: 3 milioni di multa all'Aci

L'ACI è stata multata per le commissioni sui pagamenti con bancomat e carta di credito, il CODACONS chiede rimborsi automatici e immediati.

aci-bollo-auto.png

L'Automobile Club Italiano è stato multato per aver imposto delle maggiorazioni a chi pagava il bollo auto con una carta di credito. A comunicarlo è stata l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato - AGCM che ha diffuso la notizia della sanzione di 3 milioni di euro. Il motivo è

non aver rispettato il Codice del Consumo che sancisce il divieto assoluto di imporre spese aggiuntive ai consumatori per l’utilizzo di determinati strumenti di pagamento, come carte di credito o bancomat

In sostanza l'Automobile Club d'Italia attraverso Aci Informatica S.p.A. applicava delle commissioni aggiuntive a chi decideva di pagare il bollo della propria auto con una carta di credito. Questo oltre all'importo di 1.87 euro fissato per la riscossione del bollo. La maggiorazione, inoltre, era direttamente proporzionale al costo del bollo: l'ACI applicava infatti un incremento dell'1.2% sulla somma da pagare.

Prima che il procedimento dell'Antitrust si concludesse, l'ACI ha ridotto tale commissione, abbassandola a 75 centesimi di euro per transazione. Ciò però non è, giustamente, bastato all'Autorità, che ha ribadito che ai sensi dell'articolo 62 del Codice del Consumo non può essere applicata alcuna commissione aggiuntiva, a prescindere dall'entità. Così l'Antitrust ha sanzionato l'ACI per 2.8 milioni di euro, a cui si aggiungono 200 mila euro per le "modalità ingannevoli" con le quali il sito dell'ACI forniva informazioni sul servizio Bollonet.

Sul fronte associazioni consumatori si è fatto sentire Carlo Rienzi del Codacons, che apre immediatamente la questione rimborsi:

Dopo la multa inflitta dall’Antitrust all’Aci, i corrispettivi versati dagli utenti a titolo di commissioni per i pagamenti del bollo auto con bancomat o carte di credito, dovranno essere restituiti ai cittadini, e in modo del tutto automatico.

In attesa che si faccia chiarezza su questo fronte, riportiamo il documento integrale con il testo del provvedimento AGCM:

  • shares
  • Mail