The Grand Tour, da dicembre visibile anche in Italia

Prima puntata della nuova trasmissione dell'ex trio di Top Gear, Clarkson, Hammond e May, visibile sono su Amazon Prime Video e non nel nostro paese

Rod_Fountain_Clarkson-9191.tif

Un evento televisivo, con il piccolo dettaglio di non andare in onda tecnicamente in televisione. Oggi 18 novembre è il giorno di The Grand Tour, il nuovo format televisivo dell'ex trio di Top Gear, Clarkson, Hammond e May. Un investimento di 190 milioni di euro e un ciclo di 12 puntate a stagione dal costo di 5,2 milioni ciascuna che danno l'idea di una produzione molto più vicina ad un action movie piuttosto che ad una classica trasmissione di test automobilistici. Il dettaglio che manca, almeno in Italia, è però la possibilità di vederla.

The Grand Tour, da oggi, è il programma di punta della piattaforma Amazon Prime Video, rivale di Netflix nella distribuzione di contenuti in streaming on line ma ancora non visibile nel nostro paese. Per ora le uniche zone coinvolte sono Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Austria e Giappone, ma tutto lascia intendere che l'appuntamento con Clarkson, Hammond e May nelle case degli italiani non tarderà molto. Lo stesso Clarkson ha confermato via twitter che «Amazon è diventata globale, sta per diventare disponibile in 200 Paesi. Praticamente in tutto il mondo», lasciando intendere chiaramente che la data fatidica potrebbe essere quella di dicembre, in concomitanza con le festività natalizie.

Dettagli ulteriori riguardano quella che è già una differenza con Netflix. Amazon Prime Video non permette di visionare i contenuti su un dispositivo alla volta, ma su un numero libero di device e fornisce la possibilità di scaricarli offline. Dunque il piano è quello di rendere disponibili, alla data del lancio in Italia, tutte le puntate di The Grand Tour già andate in onda, in formato HD e eventuali risoluzioni più alte. Inutile anticipare i tempi, visto il sistema che impedisce di accedere al servizio da paesi non ancora autorizzati, ma possiamo anticipare che la formula di abbonamento destinata al nostro paese dovrebbe prevedere un canone mensile di 7,99 euro, anche questo concorrenziale con Netflix.

Una informazione in più per gli orfani di Top Gear, trasmesso da sempre sulla tv satellitare, è quella di prendere confidenza con le modalità di utilizzo di Amazon Prime Video, una piattaforma di streaming web che può essere accessibile in modo diretto solo dalle moderne Smart Tv, dunque predisposte alla connessione internet e i menù di navigazione necessari, mentre la soluzione adatta a tutti gli apparecchi è quella di dotarsi di uno di uno “streaming stick”. Tra i migliori in commercio Google Chromecast 2, Amazon Fire TV Stick e Roku Stick, tutti dispositivi che si collegano alla porta HDMI del vostro schermo TV e consentono la navigazione attraverso la rete Wi-Fi domestica.

  • shares
  • +1
  • Mail