BMW 740Le e BMW i3 94 Ah: primo contatto su strada

L’ammiraglia ibrida e la compatta elettrica provate su strada.

E’ la seconda settimana di agosto e tutti, o quasi, sono in ferie. A Monaco, come in tutta la Germania, non smettono però di lavorare, così BMW ha organizzato un test drive con due importanti novità per il futuro della mobilità eco friendly: la nuova BMW 740Le xDrive e la nuova BMW i3 con batteria da 94 Ah. La più grande e la più piccola delle gamme BMW i e BMW iPerformance ci sono state prima raccontate, prima di guidarle, da chi le ha progettate.

Per iniziare al meglio la giornata, nel massimo comfort e tranquillità, ho scelto di partire come passeggero a bordo della nuova BMW 740Le xDrive. La comodità è sicuramente il punto forte di questa vettura: l’ammiraglia a passo lungo è pensata per accogliere al meglio i passeggeri posteriori che possono distendere le gambe sfruttando i 13 centimetri in più di lunghezza della vettura. Peccato però che lo stesso discorso non si possa fare per l’abitabilità in altezza, soprattutto se si sceglie la Serie 7 con tetto panoramico. Se si è più alti di un metro e 85 centimetri ci si ritrova a toccare il tetto con la testa se si sta seduti e per stare comodi bisogna necessariamente scivolare in avanti: un vero peccato per un'auto di questa caratura.

Per il resto si viene coccolati in ogni modo possibile, dalle impostazioni dello schienale alla ventilazione integrata fino ad arrivare alle luci di cortesia ed all’infotainment dedicato con schermo da 10.25 pollici e display per i passeggeri posteriori. Non manca nemmeno un tablet da 7 pollici con il quale si possono modificare i vari parametri dell’auto. Inutile dire che la tecnologia è all’ennesima potenza, a partire dalla chiave che, grazie al suo schermo LCD integrato consente di controllare l’auto e impostarne alcuni parametri da remoto. Ogni finitura è perfetta e nulla è fuori posto: praticamente impossibile trovare una stonatura in questa sinfonia d’eccellenza.

BMW 740Le 8.5 Primo contatto
Quando ci si mette al volante si può poi apprezzare il nuovo powertrain ibrido che vanta il quattro cilindri più potente mai montato su una BMW di serie. Il 2.0 TwinPower Turbo sviluppa 258 cavalli e 400 Nm, funzionando insieme ad un motore elettrico da 113 cavalli e 250 Nm integrato nella trasmissione automatica Steptronic a 8 rapporti. Ciò consente di avere la masssima efficienza ma anche prestazioni elevatissime grazie ad una potenza combinata di 326 cavalli e 500 Nm: lo scatto da 0 a 100 chilometri orari viene infatti coperto in soli 5.3 secondi. BMW dichiara un consumo medio di 2.1 litri per 100 chilometri sfruttando l’autonomia elettrica di 45 chilometri, dato non troppo lontano dai 3.6 litri per 100 chilometri segnati dal computer di bordo al termine della nostra prova. C’è però da dire che non abbiamo prestato particolare attenzione all’andatura, spremendo a fondo la BMW 740Le xDrive in più di un’occasione.

Dinamicamente le oltre due tonnellate di questa berlinona tedesca si sentono ma la guida è piacevole e composta anche grazie alle quattro ruote sterzanti del sistema opzionale Integral Active Steering. Di certo la Serie 7 non è un’auto che invita a spingere e se si viaggia in maniera rilassata si può apprezzare un buon piacere di guida, soprattutto nella modalità sportiva dove lo sterzo si irrigidisce e diventa più diretto. Certo l’assetto rimane comunque morbido e i fenomeni di rollio e becheggio sono piuttosto evidenti, seppur mai fastidiosi. L’ultima cosa da cercare su un’auto come la BMW 740Le xDrive è porprio la sportività nonostante le sue prestazioni. E’ meglio rilassarsi, godersi il viaggio e sfruttare tutta la tecnologia di bordo come il cruise control adattivo abbinato al sistema di mantenimento della carreggiata.

Ogni viaggio è accompagnato dal silenzio: l’isolamento è ottimo e solo quando si spinge al massimo la grinta del quattro cilindri si fa sentire, senza però disturbare eccessivamente. Per avere un’ammiraglia ibrida come la BMW 740Le xDrive bisogna però prepararsi a scendere a, seppur piccoli, compromessi. Il bagagliaio è più piccolo di 95 litri rispetto alle versioni tradizionali, pur rimanendo decisamente capiente con i suoi 420 litri, e il prezzo d’acquisto non è tra i più bassi della gamma: si parte dai 97.350 euro della passo corto.

Se invece la filosofia green è il vostro stile di vita BMW propone anche la più abbordabile BMW i3. L’elettrica ha appena ricevuto un aggiornamento di batteria che le permette di avere un’autonomia superiore ai 200 chilometri in condizioni d’utilizzo reali. Nei dati dichiarati la nuova BMW i3 con batteria da 94 Ah e 33 kWh può arrivare a percorrere fino a 300 chilometri con una carica ma, sempre secondo il costruttore bavarese, in un ciclo d’utilizzo reale si sorpassano tranquillamente i 200 chilometri con un “pieno”.

Effettivamente dal computer di bordo la batteria della BMW i3 si è scaricata molto meno rapidamente rispetto alla prima versione della vettura, permettendomi di percorrere quasi 70 chilometri con meno di un terzo della carica disponibile. Anche in questo caso non sono stato molto attento all’economia di marcia, sfruttando a fondo i 170 cavalli e 250 Nm del motore elettrico montato sull’asse posteriore. La BMW i3 è un’auto divertente da guidare, che invita a spingere vista la prontezza garantita dalla coppia istantanea del motore elettrico.

BMW i3 8 Primo contatto
Per il resto, batteria a parte, si confermano le buone impressioni già avute a bordo dell’elettrica tedesca. Tutto è al posto giusto, la seduta è comoda e rialzata e la posizione di guida è ideale sia per la città, sia per i lunghi tratti di guida. Le finiture sono di ottimo livello e attente all’ambiente: tutto è pensato per avere il minimo impatto ambientale. Molte componenti sono realizzate con materiali riciclati o derivati da fonti rinnovabili, permettendo alla BMW i3 di essere riciclabile al 95%. Anche per questo la BMW i3 è già stata scelta da 50 mila clienti, l’84% dei quali prima non aveva una BMW, con la versione 94 Ah che ha già collezionato oltre 7 mila ordini.

La nuova BMW i3 94 Ah costa 1.200 euro in più rispetto al modello originale, proponendosi in versione elettrica a 37.700 euro e con Range Extender a 42.350 euro. Per i clienti già in possesso di una BMW i3 la casa dell’Elica propone un programma di retrofit della nuova batteria unicamente pensato per le versioni senza range extender.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO