Nuovo Telelaser: multe a un chilometro di distanza

E' in grado di rilevare infrazioni a 1.200 metri di distanza

autovelox_torino

Nel nostro paese, da Trieste a Palermo, non esiste settimana in cui non venga aggiornato il libro dei record delle multe inflitte agli automobilisti dai vari sistemi elettronici in dotazione alle forze dell'ordine. Autovelox, Tutor, Street Control e Photored sono strumenti con cui gli italiani si sono abituati, loro malgrado, a convivere.

Alcuni correggendo il proprio stile di guida e le proprie abitudini, altri utilizzando espedienti per rendere inefficaci gli occhi elettronici, come quello di frenare in prossimità dell'autovelox per poi riprendere ad accelerare subito dopo averlo superato. Anche allacciarsi la cintura o abbassare il cellulare una volta avvistata la pattuglia sono tra le abitudini più diffuse.

Tuttavia, pure per i guidatori più creativi le cose stanno cambiando: da alcuni giorni infatti ha debuttato in alcuni comuni italiani, il nuovo Telelaser, in grado di rilevare un'infrazione per eccesso di velocità fino a 1200 metri di distanza. Si tratta di un'evoluzione dell'autovelox: grazie ad una telecamera manovrata da un agente, puntando la targa del veicolo sarà possibile avere quasi istantaneamente dati sulla velocità, sull'assicurazione e sulla revisione del mezzo. Sarà inoltre possibile scattare una fotografia all'interno dell'abitacolo per verificare se chi guida abbia la cintura allacciata o stia parlando al telefono. Il tutto, come detto, da più di un chilometro di distanza.

Con il nuovo sistema, testato con successo nei giorni scorsi a Bari, sarà molto più facile per gli agenti reprimere alcune delle infrazioni più diffuse e, visti i problemi di bilancio della maggior parte dei comuni italiani, in tanti scommettono in una sua rapidissima diffusione.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO