Toyota Driving Academy: gli esercizi raccontati dai piloti

Ci caliamo all'interno della nuova scuola di pilotaggio Toyota-Lexus per scoprire con i piloti e gli istruttori attraverso quali esercizi di possono migliorare le proprie doti di guida su strada e in pista

Tanti esercizi diversi per mettere alla prova e migliorare le proprie capacità di guida su pista, strada e sterrato. Questa è la filosofia della Toyota Driving Academy. Il circuito di Franciacorta con le sue aree dedicate è stato allestito per riuscire a provare diverse tipologie di vetture, dalla trazione posteriore a quella anteriore passando per le 4x4, guidando in condizioni di sicurezza affiancati da istruttori pronti ad aiutare nel momento del bisogno. Anche noi abbiamo messo alla prova le nostre capacità attraverso una serie di esercizi volti a migliorare stile e tecniche di guida.

Sicuramente la pedana mobile è quello che più mette alla prova riflessi e capacità di controllo: si passa infatti ad una velocità di circa 50 km/h sulla suddetta pedana che, con un colpo ben assestato al retro della vettura, simula un’improvvisa perdita d’aderenza. Qui i riflessi giocano un ruolo fondamentale per controsterzare e ritrovare il giusto assetto di guida riuscendo a mantenere la direzione corretta senza andare in testacoda. Ciliegina sulla torta è il fondo molto scivoloso su cui si svolge l’esercizio che non permette perdite di concentrazione: bisogna fare la cosa giusta altrimenti l'errore è dietro l’angolo. Sapere come comportarsi in caso di pericolo è la chiave per riuscire ad uscire anche da quelle situazioni estreme in cui raramente ci si trova ma che possono succedere.

Sempre per migliorare il controllo della vettura un altro esercizio molto utile è stato quello dello skid-auto. Sull’asse posteriore della macchina (in questo caso la piccola Toyota Aygo) vengono montati dei “carrelli con ruote” che sollevano gli pneumatici da terra così da riuscire a simulare in ingresso curva una netta perdita d’aderenza al posteriore a cui bisogna far fronte con un preciso controsterzo senza cadere nel pericoloso pendolo. L’esercizio in questione era un semplice slalom tra i birilli reso, in questo modalità, difficile e allo stesso divertente. Gli esercizi della Toyota Driving Academy continuano anche in pista con la guida veloce sulle divertentissime Toyota GT 86. Accompagnati da un pilota-istruttore, qui si mette in pratica ciò che si è imparato durante la teoria, dalle traiettorie, a ingressi e uscite di curva.

Ruolo fondamentale ancora una volta lo ricoprono gli uomini di casa Toyota che, facendo da “navigatori umani”, guidano l'allievo tra le curve del tracciato di Franciacorta riuscendo a far mettere le ruote nel giusto punto di corda, correggendo i tanti errori che si commettono, soprattutto in pista. Non solo pura velocità durante il corso, anche tanta guida ibrida, con Lexus, per capire come sfruttare al meglio questa tecnologia: utilizzare il pacco batterie in maniera corretta si traduce in un notevole risparmio di carburante nella guida di tutti i giorni, soprattutto nel traffico cittadino. Saper dosare, nella fase di partenza, il gas nelle macchine ibride comporta l’uso esclusivo del motore elettrico, riuscendo così a sfruttare questa tecnologia al massimo delle sue potenzialità.


Per chiudere il cerchio degli esercizi ci spostiamo nell’aerea off-road. Qui non conta la velocità perché le difficoltà di guida aumentano notevolmente. Esercizi come il Twist, passaggi su due ruote, salite impossibili e discese verticali vengono affrontati senza timore grazie ai tanti sistemi elettronici che aiutano alla guida. Il controllo della velocità di discesa, l’inserimento delle 4 ruote motrici così come l’utilizzo delle ridotte sono solo alcuni degli strumenti che abbiamo imparato a utilizzare al meglio riuscendo a fare passaggi molto complessi, superati senza difficoltà grazie al connubio pilota-auto.

Due chiacchiere con Alex Caffi


Alex Caffi, ex pilota Formula 1, oggi è uno degli istruttori più esperti dellaToyota Driving Academy e in questo video ci racconta l’importanza di avere sempre il controllo della vettura anche attraverso l’ausilio dei moderni sistemi di sicurezza. Parte fondamentale della guida è avere il controllo dell’auto, soprattutto per i neopatentati che si trovano ad affrontare nuove situazioni, saper gestire la macchina è molto importante. Uno degli esercizi principali è certamente la simulazione di un’improvvisa perdita d’aderenza, tramite pedana mobile, che mette alla prova sia i riflessi che le proprie abilità nell’uscire da una situazione potenzialmente molto pericolosa.

Negli ultimi 15 anni l’utilizzo di tecnologia ed elettronica nelle moderne vetture ne ha aumentato notevolmente il livello di sicurezza e, come testimonia il nostro istruttore, rispetto al passato, oggi la parola sicurezza è al centro dei pensieri di Toyota. Controllare la macchina in caso di sbandata o ancora saper usufruire al massimo della tecnologia ibrida sono abilità che si imparano con l’esperienza e non c’è luogo migliore di un circuito attrezzato per acquisire le giuste tecniche senza nessun rischio per auto e guidatore.

Due chiacchiere con Piero Longhi


Piero Longhi, campione italiano Rally, ci racconta dell’utilizzo in pista della Toyota GT 86, una vettura con motore 4 cilindri boxer da 200 cavalli e la trazione posteriore: una vera e propria nave scuola per imparare a muoversi tra i cordoli. Fondamentale in circuito sono le traiettorie, i punti di frenata e la pulizia di guida. Lo step successivo è quello di staccare i controlli di trazione e divertirsi con traversi e controlli al limite. Non solo per chi ha già anni d’esperienza dietro al volante ma anche per i neofiti è molto importante capire come andare veloce e come affrontare le curve in totale sicurezza gestendo le traiettorie e sfruttando i cordoli.

Non tutti sanno però che non è importante entrare in curva veloci ma bisogna esserlo in uscita, prima si raddrizza il volante infatti prima si può mettere giù il piede sul gas. Tanti segreti e consigli che vi faranno cambiare, in meglio, il vostro stile di guida aumentando anche la sicurezza e la preparazione in caso di pericoli: non resta che iscriversi alla Toyota Driving Academy.

Due chiacchiere con Jarno Trulli


L’ambasciatore della Driving Academy di Toyota Jarno Trulli e l’amministratore delegato Andrea Carducci sono due delle figure principali di questa scuola. Dalla casa giapponese l’A.d. racconta l’importanza della nascita di questa accademia di guida resa possibile grazie alla varietà di offerta motorizzazioni di Toyota: dall’ibrido, al diesel, passando per il potente V8 che equipaggia la Lexus RC-F ce ne è per tutti i gusti. Toyota e Lexus offrono anche un ventaglio di vetture e trazioni davvero ampio: dai SUV dal carattere glamour come Lexus NX e Lexus RX per passare ai più rustici Toyota Land Cruiser, dalla trazione anteriore a quella posteriore senza dimenticar l’integrale si può fare esperienza davvero in ogni campo.

Stesso discorso anche per L’ex pilota di Formula 1 Trulli che mette i puntini sulle i riguardo la guida autonoma e i moderni sistemi di guida: dobbiamo confidare nella persona che guida la macchina e non viceversa. Toyota pone così il guidatore al centro di questo progetto portandolo ad avere sempre una maggiore sensibilità nel capire quale sia il limite della vettura che si sta guidando sia che si tratti di un’utilitaria sia di una vettura ad alte prestazioni.


Il Calendario dei corsi


14 Luglio - Corso di Guida Sportiva - Adria
14 Luglio - Corso di Guida Sicura - Adria
11 Settembre - Corso Off Road - Franciacorta
17 Settembre - Raduno Off Road - Abruzzo
19 Settembre - Raduno Off Road - Abruzzo
19 Settembre - Corso di Guida Sicura - Modena
19 Settembre - Corso di Guida Sportiva - Modena
10 Novembre - Corso di Guida Sicura - Adria
10 Novembre - Corso di Guida Sportiva - Adria
31 Dicembre - Capodanno Off-Road - Spagna
7 Gennaio'17 - Corsi Neve e Ghiaccio - Vermiglio
31 Gennaio'17 - Corsi Neve e Ghiaccio - Vermiglio
1 Febbraio'17 - Corsi Neve e Ghiaccio - Vermiglio
28 Febbraio'17 - Corsi Neve e Ghiaccio - Vermiglio

  • shares
  • Mail