Seat Leon Cup e le auto del Motorsport Seat

Seat da diverso tempo investe nelle corse e nel motorsport, e da quest’anno la casa spagnola cerca di mettere nelle mani degli amatori auto performanti ed a prezzi competitivi.

Seat si affaccia nel panorama motorsport 2016 con novità e conferme, auto che sono non solo ottime basi di partenza per le corse ma che permettono anche di correre a prezzi più che ragionevoli. Tutto questo è possibile grazie alla Leon Cup e all’impegno del brand spagnolo che realizza vetture da corsa partendo dal veicolo di serie, permettendo così all'utente finale di non dover mettere eccessivamente mano al portafoglio.

Le passate edizioni di questo trofeo hanno permesso a Seat di ottenere un grande successo creando, oltre ad un'atmosfera "racing" di tutto rispetto, vere e proprie competizioni monomarca dove l'adrenalina e la passione sono il pane quotidiano. Viene premiata ed esaltata l'abilità del pilota, i costi sono limitati (il parco auto è in gran parte gestito da Seat Italia) e la partecipazione del pubblico è notevole.

Classi e Auto

Il 2016 sarà per Seat un anno davvero impegnato. Sono quattro i campionati al quale il brand di Martorell parteciperà:

SEAT IBIZA CUP: monomarca che prevede la partecipazione di SEAT Ibiza Cupra con motori 1.4 TSI con doppia sovralimentazione turbina e volumetrico con da 200 CV e un massimo di 270 Nm, cambio sette marce DSG . Il Weekend di gara si svolge con una prova libera e poi una qualifica ufficiale, due gare di 48 minuti più un giro.

SEAT LEON CUP RACER: Monomarca più adrenalinico che vede auto più performanti e veloci, soprattutto per potenza espressa, libertà negli assetti e gestione della grandezza delle carreggiate. I motori esprimono circa 330 CV ed una coppia massima alla ruota di 410 Nm, intercooler Seat Sport, ammortizzatori Sachs, carreggiata maggiorata di 130 mm, cambio DSG (di serie), ala posteriore regolabile in cinque posizioni, e serbatoio carburante portato ad una capacità di 100 litri, i freni anteriori della AP da 378 mm con pinza freno potenziata, nuovi ammortizzatori e scarico doppio.

Questo 2016 vede, per il monomarca anche una variante, più performante e gestibile: la Sequential. Differente esclusivamente per il cambio sequenziale Sadev e per un differenziale solamente meccanico, regolabile dall’esterno nel precarico, al contrario del “tradizonale” elettro-idraulico comandato dal volante.

Il weekend di gara è composto da due prove libere, una prova ufficiale e poi due gare da 28 minuti più un giro. Entrambi i monomarca sono gestiti da SEAT Italia con costi contenuti: circa 7000 euro a Weekend per l’Ibiza Cup e circa 85.000 euro per la Leon Cup con un montepremi di 100.000 euro.

Campionato TCS: Seat parteciperà al campionato TCS con una Seat Leon ST Cupra 290 SW, che è praticamente un’auto da concessionaria. La formula TCS è stata elaborata per rendere i costi i più bassi possibile e permettere di acquistare una vettura da corsa direttamente in concessionario.

Le modifiche da apportate sono pochissime, rollbar, gomme slick e scarichi, poi nulla di più. Cambio, motore, assetto e carreggiate sono quelle di serie. La base dell’auto sarà una Cupra con motore 2 litri di serie da 290 CV, cambio manuale e Performance pack con freni maggiorati da 270 mm.

Campionato TCR: Sicuramente il più avvincente e performante della lista, sia per la libertà lasciata dal regolamento nella gestione dell’aerodinamica sia per le prestazioni espresse dal motore. Seat sarà in prima fila, forte della sua vittoria l’anno scorso con la pilota italiana Valentina Albanese.

La macchina di base è una Leon molto simile a quelle che partecipano alla Leon Cup ma con alcune migliorie tecniche: carico aerodinamico ottimizzato soprattutto sui profili laterali della carrozzeria e all’estrattore posteriore, prese d’aria frontali e al cofano ridisegnate per massimizzare il raffreddamento dlò motore e dell’intercooler, cambio al volante con paddle e installazione del freno a mano. In più, gestione e sviluppo dell’elettronica sono onere ed onore dei tecnici di Seat.

Motorsport Italia

Entrambi i campionati TCR e TCS non vengono gestiti interamente da Seat Italia e quindi molti team privati approdano in queste categorie attirati dai costi relativamente bassi (110.000 euro per portarsi a casa una SEAT Leon TCR) e dall’alta competitività e contenuto tecnico. In più
sicuramente non mancheranno l’agonismo e le sportellate con altre auto della stessa categoria ma di case diverse come Honda, Volkswagen, Skoda e BMW.

In sostanza, Seat ha deciso di puntare sulla facilità di approccio al motorsport, mettendo a disposizione dei piloti e dei neofiti auto dalle prestazioni di alto profilo che ripagano ed appagano, in cui (soprattutto nei monomarca) è il pilota a fare la differenza.

Calendario gare 2016

Adria 08/05/2016

– Ibiza Cup
– Leon Cup Racer
– TCR
– TCS

Misano 12/06/2016

– Ibiza Cup
– Leon Cup Racer
– TCR
– TCS

Magione 03/07/2016

– TCR
– TCS

Mugello 17/07/2016

– Ibiza Cup
– Leon Cup Racer
– TCR
– TCS

Vallelunga 04/09/2016

– Ibiza Cup
– Leon Cup Racer
– TCR
– TCS

Imola 25/09/2016

– Ibiza Cup
– Leon Cup Racer
– TCR
– TCS

Monza 30/10/2016

– Ibiza Cup
– Leon Cup Racer
– TCR
– TCS

seat-leon-cup-2016-9.jpg

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: