Divieto di fumo in auto: cosa dice la legge e quali sono le multe

Cosa dice davvero la legge per il divieto di fumo in auto? Ecco cosa è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e in quali casi si applicano le multe.

Woman mad at man for smoking cigarette in car

Il 2 febbraio di quest'anno è entrato in vigore il divieto di fumo in auto, come previsto dal decreto legislativo del 12 gennaio 2016, n. 6 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 18 gennaio 2016.
Ma cosa dice veramente la legge? Il divieto di fumare mentre si è alla guida non si applica a prescindere, ma solo in un caso specifico, ovvero quando il fumatore si trova in macchina in compagnia di minorenni e di donne incinte.

L'articolo 24 del decreto legislativo, comma 2, cita:

  • 2. All'articolo 51 della legge 16 gennaio 2003, n. 3, e successive modificazioni, dopo il comma 1-bis, come modificato dal comma 1, e' inserito il seguente: 1-ter Il divieto di cui al comma 1 e' esteso al conducente di autoveicoli, in sosta o in movimento, e ai passeggeri a bordo degli stessi in presenza di minori di anni diciotto e di donne in stato di gravidanza.».

L'obiettivo di questo provvedimento è volto alla tutela di minorenni e donne incinte dai danni che può provocare il fumo passivo. Il decreto legislativo è infatti il risultato del "recepimento della direttiva 2014/40/UE sul ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri relative alla lavorazione, alla presentazione e alla vendita dei prodotti del tabacco e dei prodotti correlati e che abroga la direttiva 2001/37/CE".

L'entrata in vigore di questa legge sul divieto di fumo in auto, avvenuto il 2 febbraio 2016, ha portato l'adeguamento alle sanzioni previste già dall'articolo 7 della legge 11 novembre 1975, n. 584, con la successiva modifica dell'articolo articolo 52, comma 20, della legge 28 dicembre 2001, n. 448, che recita:

20. L’articolo 7 della legge 11 novembre 1975, n. 584, è sostituito dal seguente:
«Art. 7.

  • 1. I trasgressori alle disposizioni dell’articolo 1 sono soggetti alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 25 a euro 250; la misura della sanzione è raddoppiata qualora la violazione sia commessa in presenza di una donna in evidente stato di gravidanza o in presenza di lattanti o bambini fino a dodici anni.

  • 2. Le persone indicate all’articolo 2, che non ottemperino alle disposizioni contenute in tale articolo, sono soggette al pagamento di una somma da euro 200 a euro 2.000; tale somma viene aumentata della metà nelle ipotesi contemplate all’articolo 5, primo comma, lettera b).

  • 3. L’obbligazione di pagare le somme previste nella presente legge non è trasmissibile agli eredi».

Le multe vanno dunque da un minimo di 25 € fino a 250 € nel caso in cui il guidatore o il passeggero fumi in auto in presenza di un minore tra 12 e 18 anni, ma se si è in presenza di minori di 12 anni e donne in stato di gravidanza la multa si raddoppia, arrivando a 500 €.

Al momento risulta bloccato in Parlamento da più di un anno il Disegno di Legge dei senatori Razzi, Giro, Floris, Alicata, Amidei, Auricchio, Galimberti, Mandelli, Marin, Messina, Pagnoncelli, Piccinelli, Sciascia, Scilipoti Isgrò, Serafini, Sibilia e Zuffada che prevede la modifica del Codice della Strada per introdurre il divieto di fumare durante la guida. L'obiettivo di tale disegno di legge è quello di rafforzare la prevenzione e la maggiore sicurezza sulle strade, in quanto tale azione produrrebbe una diminuzione del livello di attenzione.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 60 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO