Uber condannata a pagare 1,2 mln di Euro in Francia

Prosegue nel frattempo la protesta da parte dei taxisti francesi che hanno bloccato Parigi

Uber stop Francia


Uber - Nuovi problemi per Uber France, condannata dal tribunale di Parigi a pagare una multa da 1,2 milioni di euro all'Union Nationale des taxi. Una condanna che arriva proprio mentre sulla Capitale continuano, per il secondo giorno consecutivo, le rimostranze e gli scioperi dei tassisti, fermi nella loro evidente protesta contro l'applicazione statunitense.

Secondo i giudici dell'Alta Corte, alla base di tale multa, vi sarebbe il non rispetto di talune regole basilari dell'esercizio da parte degli autisti dell'app che sono stati accusati di "bracconaggio" di clienti, andando a cercarli e 'raccattandoli' per strada, cosa vietata e riservata ovviamente, solo ai taxisti, come riporta la versione on line de Le Monde.

Una situazione che neppure il primo ministro Manuel Valls è riuscito a sbloccare nella giornata di ieri, dopo aver mostrato delle proposte, considerate però inadeguate proprio dai taxisti, giunti proprio a Parigi anche dalle periferie, e bivaccando in mezzo alla strada per far sentire il proprio grido di protesta.


Proprio in mattinata, la stima redatta era quella di 244 chilometri di ingorghi complessivi, con il culmine proprio di fronte al ministero dell'Economia. Una situazione di emergenza ma che comunque non sembra essere sfociata in atti violenti, salvo qualche leggero "focolaio". Quel che è chiaro è che in Francia, la volontà dei taxisti è chiara e palese, tanto da aver inginocchiato la capitale al traffico.

Oltralpe il servizio UberPop è vietato, ma in realtà Uber risulta essere decisamente attivo attraverso le più classiche NCC, vetture di Noleggio con Conducente, ma è chiaro che i tassisti vogliano la soppressione di tale tipo di lavoro, intaccando quindi, di riflesso, la tanto contestata legge Thevenoud del 2014. Dal canto proprio, la Francia, per voce del premier Valls, ha annunciato un controllo maggiore sui termini del servizio applicati, per far si che non vi siano discriminanti a favore del servizio Uber, anche se la pazienza della comunità dei taxisti sembra esser veramente finita.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 14 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

0 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO