Autovelox nascosto: se segnalato, la multa è valida

Inoltre non esiste una distanza minima tra i segnali stradali e l’autovelox.

Autovelox

Non importa che l’autovelox sia visibile o meno dalla strada: se è segnalato adeguatamente, la multa per eccesso di velocità è valida. Lo ha stabilito il Giudice Andrea Gilotta del Tribunale di Caltanissetta con una recente sentenza. In pratica è la buona visibilità della segnaletica di preavviso del controllo della velocità (cartelli o dispositivi luminosi) quella che conta realmente in sede legale e non la precisa posizione del rilevatore velox.

A dire il vero il comma 6-bis del Codice della Strada ordina che "le postazioni di controllo sulla rete stradale per il rilevamento della velocità devono essere preventivamente segnalate e ben visibili, ricorrendo all'impiego di cartelli o di dispositivi di segnalazione luminosi, conformemente alle norme stabilite". Ma per Gilotta "la “segnalazione” e la “visibilità” devono caratterizzare non già la postazione dell’autovelox in sé, intesa in senso fisico - ossia quale insieme di personale e mezzi preposti al controllo del traffico - quanto, piuttosto, la sua presenza nei pressi della sede stradale".

Secondo il Giudice infatti è "irrilevante l’ulteriore visibilità della postazione di controllo in sé" e non esiste una distanza minima tra i segnali stradali e l’autovelox purché le postazioni di rilevamento della velocità siano segnalate "con adeguato anticipo rispetto al luogo ove viene effettuato il rilevamento della velocità, e in modo da garantirne il tempestivo avvistamento".

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 64 voti.  

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO