Tata Indigo XL, limousine low-cost

Indigo XL

Prendete una Tata Indigo, berlina recentemente ristilizzata della casa indiana, in parte legata anche all'Italia: Tata ha attualmente rapporti di collaborazione con Fiat, mentre la Indigo (e la due volumi Indica) sono firmate, nella versione originaria, dall'I.DE.A Institute di Torino. Aggiungete 20 cm di lunghezza, distribuiti tutti nel volume di coda, ed allestimenti inediti per questo genere di vetture... ed ecco la prima ammiraglia "low cost", la Indigo XL!

Esteticamente, colpisce all'occhio (in negativo) la sproporzione della zona posteriore, con passo di 2650 mm - ben 20 cm in più rispetto alla versione normale, porte più ampie e coda "sottile". In compenso i posti posteriori sono diventati comodissimi, con regolazioni autonome delle sedute, schermi LCD incorporati nei poggiatesta anteriori, impianto DVD, bracciolo con porta-calici integrato (!), tavolini, presa da 12 V, climatizzazione separata; il cassetto porta-oggetti anteriore è refrigerato, e non manca il sistema viva voce Bluetooth.

I motori sono i medesimi della versione "corta", un 1.4 16v da 101 cv o un 1.4 diesel common rail da 70 cv. Una nota anche sulla finitura interna, con pelle chiara dall'aspetto elegante e finiture in (finta) radica: la destinazione è pricipalmente il mercato indiano, nel quale questo tipo di vettura può avere un certo interesse, anche se sembra un omaggio alla mai nata Cityrover, ovvero la Indica ripensata "all'inglese"...

Tata Indigo
Tata Indigo
Tata Indigo
Tata Indigo
Tata Indigo

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
80 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO