Spyker: annullata la bancarotta

Non è ancora detta l'ultima parola sulla fine della Spyker. Ecco le ultime novità.

LogoSpyker_01

Spyker- La Casa olandese non è ancora "morta". Lo scorso mese di dicembre Victor Muller, patron di Spyker, citava Winston Churchill per comunicare la fine dell'avventura come costruttore automobilistico. "Non è la fine. Non è nemmeno l'inizio della fine. Ma è forse la fine dell'inizio", aveva fatto sapere Muller nell'annunciare l'incapacità di far fronte agli impegni finanziari e la mancata finalizzazione dell'operazione che avrebbe dovuto far affluire capitali freschi.

La situazione non era certo delle migliori. In questi giorni, però, è arrivata un'importante novità. Attraverso una sentenza il giudice ha concesso all'imprenditore di proseguire in amministrazione controllata, annullando la precedente sentenza di fallimento. La salvezza del costruttore olandese di auto sportive è ancora tutta da conquistare, ma Muller sarebbe riuscito a concordare con quasi tutti i creditori nuove forme per saldare il debito. Stando ad

Stando alle ultime indiscrezioni, presto la Spyker potrebbe provare ad avviare la produzione di B6 Venator e stabilire la ventilata collaborazione con una società aeronautica americana. Come recita il motto del brand: nulla tenaci invia est via!.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO