Un V6 biturbo da 461 CV per le Cadillac ATS-V berlina e Coupé

Il marchio V lancia il suo primo motore biturbo e lo affida alle Cadillac ATS-V, berlina e coupé di segmento D alle quali spetta il compito di sfidare la concorrenza tedesca.

Cadillac ATS-V 2015

Le prime vetture biturbo della famiglia V sono descritte come luxury performer e guidano il reparto sportivo del marchio Cadillac all’interno di una nicchia per lei ancora inesplorata, dove la concorrenza certo non manca: le ATS-V ed ATS-V Coupé andranno a sgomitare contro avversarie che hanno imposto la lingua tedesca al segmento d’appartenenza. Ci riferiamo ovviamente alle rispettive varianti ad alte prestazioni su base Audi A4/A5, BMW Serie 3/Serie 4 e Mercedes-Benz Classe C, che sfideranno dalla primavera 2015 un avversario decisamente competitivo e tenace. Lo deduciamo in primis dalle specifiche del suo motore V6 biturbo. Il 3.6 eroga ben 461 CV e fornisce allo stesso tempo 603 Nm di coppia, numeri sufficienti per restituire un’accelerazione 0-96 km/h in 3.9 secondi ed una velocità massima di ben 297 km/h.

Il sei cilindri può essere abbinato ad un cambio manuale a 6 rapporti o ad un automatico 8 marce, entrambi piuttosto raffinati: tutti e due sono abbinati al launch control e rispettano una logica di funzionamento votata alla sportività. I tecnici del reparto V hanno poi modificato la taratura delle sospensioni, hanno installato un impianto frenante di marca Brembo (con dischi ampi 370 mm e 339 mm) e sono intervenuti anche nell’estetica, mettendo a punto un kit stilistico comprensivo anche del cofano motore in fibra di carbonio. I cerchi in lega misurano 18 pollici e vestono pneumatici Michelin Pilot Super Sport. La rigidità strutturale è maggiore del 25% rispetto alle Cadillac ATS di serie, mentre il differenziale è di tipo elettronico.

Il marchio statunitense intende migliorare la già ricca dotazione di serie con i pacchetti Carbon Fiber e Track, che includono particolari estetici in fibra di carbonio (splitter anteriore, cofano motore, diffusore posteriore) o elementi che gli amanti della guida in pista sicuramente apprezzeranno, come la batteria alleggerita ed il Performance Data Recorder. Quest’ultimo – già disponibile sulla Corvette Stingray – permette al conducente di rivivere la sua sessione di guida in pista, restituendogli informazioni su velocità, regime, forza laterale, tempo sul giro e posizione in pista. L’abitacolo non tradisce ovviamente il carattere dell’auto e prevede elementi in fibra di carbonio, rivestimenti in tessuti più specialistici e sedili sportivi Recaro. Le Cadillac ATS-V saranno presenti al salone di Los Angeles.

  • shares
  • +1
  • Mail