Afroduck e il giro più veloce intorno a Manhattan

Un 31enne ha attraversato Manhattan in appena 24 minuti, commettendo infrazioni su infrazioni. Vi raccontiamo la sua storia, diventata d'attualità negli Stati Uniti.

Negli Stati Uniti ha destato clamore la vicenda di Adam ‘Afroduck’ Tang, automobilista 31enne che la notte del 26 agosto 2013 portò a termine quello che lui stesso definisce il giro più veloce di Manhattan: il ragazzo percorse le 26.5 miglia (42.65 chilometri) in poco più di 24 minuti, viaggiando alla media di 66 miglia orarie (106 km/h) e commettendo una lunga serie di infrazioni. Guidava una BMW Z4 del 2006. Afroduck riprese tutte le fasi della sua corsa – in alcuni punti raggiunse i 160 km/h – e pubblicò il filmato su YouTube, alimentando così una vera e propria caccia all'uomo.

Tang venne arrestato il 5 settembre 2013 e fu scarcerato qualche giorno dopo, in attesa del processo. La sua bravata è tornata d’attualità perché giovedì scorso un tribunale lo ha condannato per alcuni reati collegati alla guida pericolosa, infliggendogli una pena detentiva pari a 13 mesi. La sanzione gli è stata notificata in contumacia: mercoledì Afroduck è scappato in Canada – suo paese d'origine – e qui ha intenzione di rimanere, nonostante il giudice abbia prospettato un secondo anno di carcere qualora non rientri negli Stati Uniti entro un mese.

Il ragazzo sembra essersi dileguato, ma prima di rendersi primula rossa ha affidato il suo pensiero al sito internet del canale ABC. “Ho commesso un gesto stupido, è vero. Pensavo fosse divertente e potesse piacere ai newyorkesi. Ma non crediate che sia un gesto pericoloso – la sua difesa –. Questa vicenda mi ha insegnato una cosa: se la Polizia viene a casa vostra e bussa alla porta, non collaborate! Mi chiedo in quale tipo di società viviamo”.

  • shares
  • +1
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: