La Tesla Model S P85D introduce un secondo motore elettrico

Il secondo motore crea un sistema di trazione integrale e migliora le prestazioni, senza inficiare sull’autonomia. Le Tesla Model S D sarà in vendita da febbraio.

Tesla Model S P85D

Tesla ha scelto la lettera D per indicare una variante ad alte prestazioni disponibile per le 60, 85 e P85, di particolare significato in quanto porta all’esordio un sistema di trazione integrale ed una nuova piattaforma a zero emissioni. La Model S P85D prevede un doppio motore elettrico – D significa appunto per Dual. Si trovano all’anteriore ed in coda, assicurano il plus delle quattro ruote motrici e sono studiati per garantire allo stesso tempo prestazioni più elevate e maggiori qualità da passista.

In questo modo l’accelerazione 0-96 km/h verrà portata a termine in soli 3.2 secondi (1 secondo in meno rispetto alla Model S P85), mentre l’autonomia aumenterà di 10 miglia (275 miglia) e raggiungerà in questo modo l’equivalente di 442 chilometri. La velocità massima aumenta anch’essa e si attesterà a 250 km/h, in netto aumento rispetto ai 210 km/h toccati fino ad oggi. L’azienda californiana non ha per il momento diffuso numeri e caratteristiche tecniche, ma Road and Track scrive che la Tesla Model S P85D offre la bellezza di 691 CV e 930 Nm.

Elon Musk, amministratore delegato Tesla, ha poi confermato che tutte le Model S uscite dallo stabilimento in queste ultime due settimane offrono una serie di tecnologie per la guida semi-autonoma. La nuova piattaforma – denominata A – include un sonar con visione a 360 gradi, un radar anteriore ed una videocamera capace di riconoscere le immagini, strumenti necessari per consentire alla berlina di parcheggiare e di frenare senza l’ausilio del conducente. La Tesla Model S P85S è pressoché identica alle varianti 4x2 – si riconosce per i loghi specifici – e sarà in vendita da febbraio. L’opzione D è offerta anche per le versioni 60 ed 85 non Performance.

Tesla Model D: Foto e informazioni della Model S P85D

Tesla Model D

Tesla porta al debutto la nuova Tesla Model S Dual Motor a trazione integrale vista la presenza di un doppio propulsore elettrico, senza però prendere la denominazione di Tesla Model D. Quella che dovrebbe chiamarsi Tesla Model S P85D sarà infatti la prima Tesla Model S a trazione integrale, una novità che avrebbe dovuto essere presente durante il Salone di Parigi 2014, ma che ha saltato l'appuntamento francese per prendersi tutta l'attenzione dei media con una presentazione successiva all'affollata kermesse parigina.

Tesla_Model_D Pare infatti che Elon Musk, capo di Tesla, abbia deciso di rimandare la presentazione di qualche giorno. Negli scorsi giorni è stata così diramata su Twitter un'immagine teaser che anticipa la presentazione del 9 ottobre. La foto, che mostra una Tesla Model S nascosta all'interno di un garage, mostra la lettera D. Ciò potrebbe però significare, oltre a Dual Motor, anche Driverless, la parola inglese utilizzata per le auto a guida autonoma. Proprio Tesla aveva infatti annunciato l'arrivo, entro il 2015, delle prime vetture del marchio a guida autonoma, non c'è quindi da accantonare l'ipotesi che insieme alla variante a trazione integrale possa arrivare anche una Tesla Model S Driverless.

Elon Musk ha infatti dichiarato nel tweet dell'immagine teaser che Tesla ha in serbo "qualcos'altro" per il 9 ottobre. Ciò potrebbe significare l'arrivo, oltre della variante a trazione integrale della Tesla Model S, di un'altra novità che potrebbe essere o la sopracitata auto a guida autonoma, oppure un aggiornamento della gamma. Tesla dovrebbe infatti presentare a breve delle nuove batterie per la Tesla Roadster capaci di aumentare l'autonomia dagli odierni 400 chilometri fino ad un massimo di 640 chilometri, come anticipato da alcuni rumors degli scorsi mesi.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 35 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO