A Torino un autista di Uber ha investito 4 taxisti

(continua da pagina 4 )


Uber lancia a Barcellona il servizio per la consegna del cibo


ubereats_barcelona

Uber ha introdotto un servizio per la consegna rapida del cibo. E’ attivo per il momento nella città di Barcellona, si chiama UberEATS e promette di recapitare un pasto in circa 10 minuti. Gli utenti devono aprire l’applicazione di Uber, raggiungere la sezione dedicata ed effettuare l’ordinazione, presso uno dei ristoranti con i quali Uber ha raggiunto un accordo di collaborazione.

Il menù cambia giorno dopo giorno, mentre il pagamento è effettuato tramite la carta di credito abbinata al profilo. L’applicazione consente di tracciare la vettura che trasporta il cibo, in maniera tale da conoscere la sua esatta posizione. Un servizio simile è già attivo in California, nella zona di Santa Monica, dove gli utenti possono ordinare fra le 11.30 e le 14.30 un menù fisso da 12 dollari. In questo caso – come già a Barcellona – il servizio è sperimentale.

Accolto il ricorso di un driver, i tassisti sul piede di guerra


Uber Taxi

Uber – Il Tribunale di Genova potrebbe aver scritto una pagina storica sulla questione Uber. Il giudice di pace Giovanni Gualandi, infatti, ha accolto il ricorso di un driver della servizio di ‘ride sharing’, che era stato sanzionato come tassista abusivo. La motivazione della sentenza arriverà nel corso della settimana, ma secondo quanto spiegato dall’ufficio stampa Uber avrebbe stabilito che “non c’è esercizio abusivo della professione”.

Se fosse confermato, significherebbe che, secondo il Giudice, il servizio Uber non è fuorilegge e, dunque, si tratterebbe di una sentenza importantissima. In Italia non potrebbe fare giurisprudenza, ma potrebbe comunque venir presa a modello per gli eventuali successivi ricorsi. Ovviamente la vicenda è stata seguita dai tassisti, da sempre in lotta contro Uber, per nulla soddisfatti della decisione del giudice di pace.

Anzi, sono già pronti a scendere nuovamente sul piede di guerra: "Ora tutto si complica – le parole di Valerio Giacopinelli, socio della Cooperativa RadioTaxi, a La StampaNoi andremo avanti, questa sentenza avrà delle conseguenze”. E si parla addirittura di “problemi di ordine pubblico” non solo riferiti alla categoria dei tassisti, “ma anche gli autisti Ncc, quelli del servizio di noleggio auto con conducente”. La battaglia continua.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail