Roma: gli autobus ATAC lanciati a velocità folle; 2 su 3 oltre i limiti consentiti

L'inchiesta del quotidiano "Il Tempo" mette in luce una realtà preoccupante sul servizio pubblico capitolino.

Atac_Roma

Il quotidiano romano “Il Tempo” ha condotto un’inchiesta sulla condotta di guida degli autisti dell’ATAC, azienda per la mobilità pubblica della capitale: munendosi di autovelox certificati, i nostri colleghi si sono appostati su alcune delle arterie romane più importanti (e trafficate) ed hanno rilevato per 2 settimane la velocità mantenuta dagli autobus. I risultati sono sconvolgenti: 2/3 fra le decine di bus monitorati sono risultati ben oltre i limiti imposti dal C.d.S., con punte anche superiori ai 90 km/h. A quanto scrivono Alessio Buzzelli e Giorgio Carra, “allo scoccare della mezzanotte, terminata l’ultima corsa, gli uomini in camicia azzurra al volante degli automezzi del servizio di trasporto pubblico si trasformano in novelli Nuvolari e lanciano i bestioni rosso-argento per le vie di Roma alla massima velocità, destinazione depositi”. Le rilevazioni sono state condotte su un centinaio di vetture Atac quasi sempre fuori servizio, fra la mezzanotte e l’una.

Tutte le news su Roma

"Su Corso Francia, ad esempio, ben 14 autobus su 21 hanno sforato il limite dei 50 km/h, complice l’ampiezza della strada, a tre corsie , e la lunghezza del suo rettilineo che invita anche gli automobilisti più prudenti. Alcuni degli automezzi, diretti verso il deposito di Grottarossa, hanno raggiunto velocità esagerate, toccando addirittura punte di 91 km/h. La velocità media ottenuta sommando tutte le rilevazioni è stata di 79 km/h, dunque di quasi 30 punti sopra il limite: roba da non credere.

Oltre gli 80 km/h anche su via Collatina, dove in alcuni tratti il limite dei 50 km/h scendeva sino a 30 per via di alcuni cantieri per lavori di sistemazione della strada. In questo caso c’è da sottolineare come 6 dei 14 autobus che hanno superato i limiti in questo tratto di strada erano mezzi attivi a tutti gli effetti, mezzi cioè che non avevano ancora terminato l’ultima corsa e dunque trasportavano persone a bordo."

Una realtà davvero preoccupante che sembra essere molto al di là dei soliti “casi isolati” e che rischia seriamente di mettere in pericolo l’incolumità di passeggeri, pedoni ed automobilisti. Sembra che gli autisti incriminati non si facciano nemmeno spaventare dalla moltitudine di autovelox installati su molte strade romane, fra cui anche quelle prese in esame da Il Tempo. Ma più di tutti stupisce il fatto che, alle soglie del 2015, un mezzo pubblico cittadino, che trasporta svariate decine di persone ad ogni corsa, non abbia la velocità massima limitata elettronicamente ai canonici 50 orari; gli stessi che permetterebbero peraltro di risparmiare carburante e limitare le emissioni inquinanti.


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 118 voti.  

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO