Citroen DS Le Dandy: foto ed informazioni della DS a due posti

Nel 1960 il carrozziere Henri Chapron regala un hard top alla DS Le Caddy, Nasce quindi Le Dandy, che rimane in produzione fino al 1972.

Citroen DS Le Dandy

Il fascino ed il prestigio della Citroen DS non l’hanno preservata da alcune elaborazioni alquanto coraggiose. Non ci riferiamo alle cabriolet e break, vetture realizzate in forma ufficiale e riconducibili direttamente al Double Chevron. La nostra allusione non riguarda nemmeno la versione a passo corto o l’esperimento ottenuto dalla fusione con una Porsche 911. Pensiamo invece alla Le Dandy Coupé, variante chiusa della Le Caddy e che un articolo di Classic Driver riporta in auge.

QUANDO LA CITROEN DS INCONTRA UNA PORSCHE 911

L’automobile risale al 1960 e venne realizzata dal carrozziere Henri Chapron, noto per aver allestito le automobili presidentielle di Charles de Gaulle e Georges Pompidou. La conversione non fu inizialmente gradita dal Double Chevron, che obbligò quindi Chapron ad acquistare vetture complete anziché solo il telaio. Base di partenza fu la convertibile Le Caddy, a due porte, modificata grazie all’installazione di uno specifico hard top.

ANCHE ALICE COOPER ERA PROPRIETARIO DI UNA DEA

Ha quindi origine una cabriolet dalle forme più spigolose rispetto alla Dea, a due posti e dallo spesso montante posteriore, configurata in due differenti varianti di carrozzeria: prima del 1965 il posteriore ha un andamento più morbido e dolce, mentre dopo il 1965 vengono introdotte due pinne ed il posteriore diventa così più spigoloso. La Citroen DS Le Dandy venne realizzata in circa 50 esemplari fra il 1960 ed il 1972. Utilizza il motore quattro cilindri da 2.1 litri, in versione da 109 CV ed abbinato alla trasmissione manuale a 5 rapporti. Un esemplare del 1965 è valutato circa 120.000 euro.

  • shares
  • +1
  • Mail