Think: presentata l'istanza di fallimento

Think City

Nei giorni scorsi il costruttore norvegese Think Global AS ha presentato istanza di fallimento presso il tribunale di Oslo, adducendo come motivo i gravi scompensi finanziari a seguito degli insufficienti volumi di vendita. Nel corso del 2010 appena 1.043 automobilisti hanno comprato una minicar elettrica Think, decretando lo stato di crisi per un’azienda alquanto “sfortunata”: dal 1991 ad oggi, nei vent’anni di esistenza del marchio, gli amministratori hanno dichiarato fallimento ben quattro volte.

“Abbiamo ricevuto l’interesse di alcuni investitori - ha commentato un portavoce -, ma purtroppo non siamo riusciti a stipulare un accordo nei tempi giusti”. La produzione della vetturetta Think è sospesa dallo scorso marzo.

  • shares
  • +1
  • Mail
15 commenti Aggiorna
Ordina: