Audi A1 Clubsport Quattro

Audi A1 Clubsport Quattro

Audi presenta al Wörthersee Tour 2011 la A1 Clubsport Quattro, concept che anticipa la futura versione sportiva della A1, che potrebbe prendere la denominazione S1. Difficilmente, però, vedremo sul modello stradale il propulsore scelto per la concept: sulla piccola A1 è infatti stato installato lo stesso 5 cilindri 2,5 litri Turbo della RS3, elaborato per l'occasione per sviluppare 503 Cv e 660 Nm di coppia, disponibili tra 2500 e 5300 giri. Questo incredibile risultato è stato ottenuto modificando Turbo, intercooler, aspirazione e scarico e proprio il terminale si trova vicino al parafango posteriore sinistro, in omaggio alla Audi A4 DTM.

Grazie al peso contenuto entro 1300 kg, la A1 Clubsport Quattro è capace di toccare i 100 km/h da fermo in 3,7 secondi ed i 200 km/h in 10,9 secondi, mentre la ripresa da 80 a 120 km/h in quarta marcia richiede appena 2,4 secondi. La trazione è garantita dal sistema Quattro, derivato ds quello della TT RS abbinata al cambio manuale, mentre la velocità massima è autolimitata a 250 km/h. L'assetto è completamente regolabile, mentre l'impianto frenanto offre dischi carboceramici con pinze a 6 pistoncini anteriori. I cerchi da 19" ospitano pneumatici 255/30 identici sui due assi.

La carrozzeria, verniciata in Giacier White opaco, propone l'abbinamento con gli archi di colore nero e sopratutto è completata dal tetto in CFRP. Il paraurti anteriore integra nuove prese d'aria in fibra di carbonio e sfoghi d'aria sul cofano motore. I parafanghi sono stati allargati di 60 mm, ispirandosi alle forme della Audi Quattro originale, mentre gli specchi retrovisori si ispirano a quelli della R8. Al posteriore si nota lo spoiler con doppio profilo, abbinato ad un estrattore specifico integrato nel paraurti.

Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro

Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro

All'interno spicca l'assenza dei sedili posteriori, sostituiti da una barra duomi che irrigidisce la scocca ed a un porta caschi. Nel vano bagagli è stata posizionata anche la batteria alleggerita da competizione, per ottimizzare il bilanciamento dei pesi e dalla plancia sono stati eliminati tutti gli accessori multimediali e l'impianto audio, inutili nell'impiego racing a cui la vettura si ispira. I sedili monoscocca sono quelli della Audi R8 GT, completati da cinture di sicurezza a 4 punti. Oltre all'uso di CFRP con finitura opaca per molte parti dell'abitacolo, si nota anche l'aggiunta di 3 strumenti aggiuntivi analogici per il controllo di pressione olio, pressione turbo e voltaggio della batteria.

Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro
Audi A1 Clubsport Quattro

  • shares
  • +1
  • Mail
64 commenti Aggiorna
Ordina: