Volkswagen: tra il 2013 e il 2014 debutterà l'ibrido plug-in

Volkwagen Passat USA

Martin Winterkorn ha annunciato ieri al Vienna Motor Symposium che Volkswagen proporrà sui mercati internazionali le sue prime ibride plug-in tra il 2013 e il 2014. Secondo la casa tedesca -e non solo- questa è la tecnologia vincente sul medio termine per ridurre le emissioni e i consumi delle automobili senza imporre le rinunce tipiche delle auto elettriche.

Winterkorn, commentando l'annuncio, ha comunque definito la mobilità elettrica "l'obiettivo del secolo per l'industria automobilistica e l'Unione Europea". "Costruttori, fornitori, politici, ricercatori, fornitori di energia: tutti sono chiamati a fare la loro parte per raggiungere questo traguardo", ha affermato il manager tedesco.

A Vienna Volkswagen ha portato anche una nuova variante del 1.4 TSI alimentata a bioetanolo, in grado di erogare 160 CV e di ridurre del 7% le emissioni di CO2 rispetto alla Passat che monta questa motorizzazione, ma adotta la tradizionale alimentazione a benzina. Il propulsore modificato per l'E85 andrà inizialmente in vendita su Passat e Passat CC in Svezia e Finlandia, dove c'è una rete di distribuzione capillare di questo carburante.

La casa di Wolfsburg ha infine annunciato il suo impegno per promuovere il diesel negli USA. Il suo noto 2.0 TDI verrà presto prodotto anche nella fabbrica di Chattanooga, Tennessee, e montato sulla Passat destinata agli USA dopo una serie di opportune modifiche all'impianto di catalizzazione.

Con quest'unità a gasolio da 140 CV e 320 Nm, la Passat accelererà da 0 a 60 miglia in 9,3 s, toccando i 180 km/h di velocità limitata elettronicamente. Il tutto, consumando 6,7 l/100 km di carburante. Piacerà al pubblico americano?

  • shares
  • +1
  • Mail
26 commenti Aggiorna
Ordina: