Kia Naimo

Kia Naimo

Kia ha presentato durante il salone di Seoul un prototipo a trazione elettrica, denominato Naimo e realizzato in previsione di una futura citycar a quattro porte e cinque posti ad emissioni zero. Questa vettura andrà ad inserirsi nel segmento dei crossover grazie ad un corpo vettura piuttosto massiccio, lungo solo 3.89 metri ma largo 1.84 ed alto 1.58, che giustifica appieno l’utilizzo del termine Naimo: questa parola deriva infatti dal coreano “Ne-mo” ed indica una forma squadrata. Gli stilisti del Design Team Kia di Seoul hanno poi caratterizzato la vettura con particolari quali il parabrezza avvolgente, il profilo asimmetrico del tetto e le luci a LED, mentre gli specchietti vengono sostituiti da due telecamere annegate nei montanti. Decisamente curiosa la soluzione introdotta per eliminare i tergicristalli, sostituiti da un getto ad alta pressione che funziona come una spazzola d’aria, mentre l’imperiale è rivestito con la carta coreana Han-ji e la strumentazione ed i sistemi multimediali vengono riprodotti su un pannello TOLED (Transparent Organic Light Emitting Diode). Molto particolare anche il sistema per l’apertura delle portiere, privo di montante centrale e con movimento ad armadio.

La Kia Naimo utilizza come detto un propulsore elettrico, di tipo sincrono e con magneti permanenti. Eroga una potenza massima di 109 CV ed un coppia di 280 Nm, mentre l’autonomia ammonta a 200 chilometri e la velocità massima è di 150 km/h. Sotto il pianale sono posizionate due gruppi batteria (27 kWh) ai polimeri di litio, che possono essere ricaricati in 5 ore e mezza con un impianto da 3.3 kW oppure in 25 minuti (ma solo per l’80%) da un impianto da 50 kW.

Kia Naimo
Kia Naimo

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: