Chris Harris di EVO accusa Ferrari: tutte le auto in prova sono modificate

Chris Harris

“Penso sia iniziato nel 2007, durante il test della 599 GTB Fiorano. Ferrari ci chiese quale pista avremmo utilizzato per effettuare la prova, così da inviare una squadra di tecnici e ingegneri per ottimizzare le prestazioni della vettura. […] Dispiace ammetterlo, ma l’emozione nel guidare una nuova Ferrari è mitigata dal dover sottostare alle imposizioni dell’ufficio stampa”. Attraverso un lungo editoriale pubblicato da Jalopnik, il giornalista britannico Chris Harris ha apertamente accusato Ferrari di modificare le vetture presenti nel parco stampa in modo da renderle più toniche e performanti, negando inviti e disponibilità alle redazioni non allineate. La penna del mensile EVO cita l’anomalia riscontrata al volante della 360 Modena disponibile per i test (più veloce di 2 secondi nello 0-160 km/h rispetto ad una versione stock) oppure lo strano caso di una 430 Scuderia equipaggiata con pneumatici non standard che hanno letteralmente ceduto durante un test al dyno. “E’ come se John Holmes barasse riguardo le dimensioni del suo pene”, chiosa il giornalista.

Harris rivela inoltre che ciascun giornalista deve presentare un’autorizzazione scritta per guidare una Ferrari - anche se questa è privata -, mentre ai clienti viene sconsigliato di concedere le rispettive vetture per test comparativi. “Il controllo è opprimente. Le macchine oltretutto sono talmente entusiasmanti da non meritate questa m***a”, prosegue il redattore. “E' sufficiente sapere che i responsabili dell’ufficio stampa hanno già contattato numerose redazioni per chiedere ed approvare i temi da affrontare durante la prova della FF, in programma a marzo”. Harris termina la sua catilinaria confessando di non aspettarsi più alcun invito ufficiale. Per smaltire la delusione ha anche venduto la sua 575 Maranello…

  • shares
  • +1
  • Mail
266 commenti Aggiorna
Ordina: